Rinascono i verdi. Dicendo, avanti

giovedì, novembre 18th, 2010

Alle 19.10 le mascherine, gentilmente, spingono i verdi fuori dalla sala dell’Eliseo. Il meeting per rilanciare il sole che ride è finito, l’Eliseo torna teatro di prosa. Ma intanto i verdi sono rinati, grazie ad Angelo Bonelli che ha tenuto duro anche nei momenti più difficili. A dargli una mano è venuto da Bruxelles il  verde più noto d’Europa, Daniel Cohn Bendit, già Dany il rosso, l’espulso celebre del ’68 francese, da anni leader dei verdi né di destra né di sinistra. “Dobbiamo solo guardare avanti”, ricorda alla platea.

Insegna provvisoria è “Europa Ecologia Italiana”. Monelli conviene poi che bisognerà rifiniree un po’ il nome, al momento bruttino. Più consolante è invece la compagnia fatta di associazioni con i loro presidenti: la Lav di Felicetti, la Lipu di Tallone, il Wwf di Leoni, gli Animalisti italiani, Verde ambiente società con Guido Pollice. Adesione – è assente però – di Guido Viale. C’è invece Carlo Vulpio, del Corriere della sera e colpito da indagini giudiziarie sostanzialmente per aver fatto il suo lavoro d’inchiesta (anche giudiziaria).

Che dire? Destra, sinistra, avanti? Un fatto è certo: bisogna essere, ripete Dany il rosso, contro certo sviluppismo di sinistra e contro le politiche diseguali di destra.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Rinascono i verdi. Dicendo, avanti

  1. fabrizio scottoni says:

    Questo non sentirsi “ne di destra, nè di sinistra”, mi lascia molto perplesso. Non so a quale snistra si riferisca Bonelli, ma credo che nell’ambito della sua ricostruzione non possa essere concepita una sinistra priva di consapevolezza ecologica e di idea di sviluppo non eco-compatibile. La sinistra cui si riferisce Bonelli non è sinistra. Anzichè spingere su un ambientalismo “neutro” perchè non puntare su una forza che vuole essere nuova, Sel, che indica già nel nome il proprio programma? Perchè scegliere una strada minoritaria che in Italia è senza grandi possibilità di aggregazione e relega l’ambientalismo a una piccola nicchia? Questione di spazio/poltrona? Mi spiace che Guido Viale abbia intrapreso questo percorso “minoritario” e di testimonianza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *