Il massacro dei giornalisti: 82 gli assassinati finora nel 2011

lunedì, ottobre 24th, 2011

Dall’inizio dell’anno nel mondo sono morti 82 giornalisti. Lo ha annunciato pochi giorni fa  Alison McKenzie, direttore dell’Istituto Internazionale della Stampa di Vienna.

Ospite del Media Forum di Taiwan, la McKenzie ha sottolineato che nel 2011 il paese più pericoloso per chi lavora nel settore dell’informazione è stato il Messico, dove, infatti, solo quest’anno hanno perso la vita 11 reporter, impegnati a raccontare le attività criminali dei narcotrafficanti. L’Iraq occupa il secondo posto nella lista dei paesi più pericolosi, seguito dal Pakistan, dove sono caduti sei rappresentanti del mondo dell’informazione. Quest’anno anche Libia, Tunisia e Egitto si sono aggiunti alla lista delle regioni pericolose per l’esercizio della professione giornalistica.

Un massacro continuo: i giornalisti uccisi negli ultimi anni sono stati infatti 79 nel 2010, 91 nel 2009, 67 nel 2008, 100 nel 2007, 107 nel 2006, 69 nel 2005, 89 nel 2004.

A Washington il muro memoriale del Newsmuseum contiene i nomi di  2084 giornalisti uccisi.

Questi i nomi di giornalisti uccisi quest’anno:

Faisal Qureshi, web editor

     Ottobre 8, in Lahore, Pakistan

Li Xiang, reporter della televisione provinciale dell’Henan

     Settembre 21, in Zhengzhou, Cina

Hadi al-Mehdi, giornalista on line

     Settembre 10, in Baghdad, Iraq

Farah Andi, giornalista di Radio Simba

     Agosto 6, in Mogadiscio, Somalia

José Silvestre, giornalista dell’emittente televisiva Caña Tv

    Agosto 2, in La Romana, Repubblica Dominicana

Ahmed Omed, corrispondente della BBC

     Luglio 28, in Uruzgan, Afghanistan

Yolanda Ordaz de la Cruz, redattrice di Notiver

      Luglio 26, in Veracruz, Messico

Nery Jeremias Orellana, direttore di radio Joconguera

      Luglio 14, in Candelaria, Honduras

Miguel Ángel López Velasco, redattore di Notiver

     Giugno 20, in Veracruz, Messico

Pablo Ruelas Barraza, redattore di vari giornali locali

      Giugno 13, in Huatabampo, Messico

Syed Saleen Shahzad, responsabile per l’Asia meridionale di Asia Times Online,

     Maggio 30, in Islamabad, Pakistan

Nasrullah Khan Afridi, Khyber News Agency, Pakistan Television, Mashreq

     May 10, 2011, in Peshawar, Pakistan

Yakhya Magomedov, redattore di una rivista bimestrale in lingua avara

     Maggio 8, in Daghestan (Caucaso russo)

Magomed Khanmagomedov, corrispondente del settimanale indipendente Chernovik

     Maggio 1, in Chernovik, Daghestan (Caucaso russo)

David Niño de Guzmán, capo-redattore dell’Agenzia di notizie Fides

     Aprile 21, in La Paz, Bolivia

Chris Hondros, fotogiornalista dell’agenzia Getty

     Aprile 20, in Misurata, Libia

Tim Hetherington, fotogiornalista di Vanity Fair

     Aprile 20, in Misurata, Libia

Karim Fakhrawi, Al-Wasat

     April 12, 2011, in Manama, Bahrain

Zakariya Rashid Hassan al-Ashiri, Al-Dair

     April 9, 2011, in Al-Dair, Bahrain

Anton Hammerl, Freelance

     April 5, 2011, in an area near Brega, Libya

Sabah al-Bazee, collaboratore dell’agenzia Reuters

     Marzo 29, 2011, in Tikrit, Iraq

Muammar Khadir Abdelwahad, Al-Ayn

     March 29, 2011, in Tikrit, Iraq

Luis Emanuel Ruiz Carrillo, La Prensa

     March 25, 2011, in Monterrey, Mexico

Mohammad Nabbous, Libya al-Hurra’ Tv

     Marzo 19, 2011, in Bengasi, Libia

Jamal al-Sharaabi, Al-Masdar

     March 18, 2011, in Sana’a, Yemen

Ali Hassan al Jaber, Al Jazeera

     Marzo 12, 2011, in Bengasi, Libia

Mohamed al-Hamdani, Al-Itijah

     February 24, 2011, in Ramadi, Iraq

Ahmad Mohamed Mahmoud, Al-Ta’awun

     February 4, 2011, in Cairo, Egypt

Le Hoang Hung, Nguoi Lao Dong

     January 30, 2011, in Tan An, Vietnam

Gerardo Ortega, DWAR

     January 24, 2011, in Puerto Princesa City, Philippines

Lucas Mebrouk Dolega, European Pressphoto Agency

     January 17, 2011, in Tunis, Tunisia

Wali Khan Babar, Geo TV

     January 13, 2011, in Karachi, Pakistan

Marcela Yarce, direttore del settimanale Contralinea

     Settembre 1, in Città del Messico, Messic

Rocio Gonzalez Trapaga, reporter

     Settembre 1, in Città del Messico, Messico

Adàn Benitez, redattore di radio private

     Luglio 5, in La Ceita, Honduras

Anatoli Bitkov, direttore della compagnia televisiva Kolyma

     Giugno 29, in Magadan, Russia

Luis Ernesto Mendoza Cerrato, Channel 24

     May 19, 2011, in Danlí, Honduras

Yensi Roberto Ordoñez Galdámez, Channel 14

     May 18 or 19, in Nueva Concepción, Guatemala

Wilfred Iván Ojeda, El Clarín

     May 17, 2011, in La Victoria, Venezuela

Héctor Francisco Medina Polanco, Omega Visión

     May 11, 2011, in Morazán, Honduras

Valério Nascimento, Panorama Geral

     May 3, 2011, in Rio Claro, Brazil

Julio Castillo Narváez, Ollantay Radio

     May 3, 2011, in Virú, Peru

Alfredo Antonio Hurtado, Canal 33

     April 25, 2011, in Ilopango, El Salvador

Luciano Leitão Pedrosa, TV Vitória and Radio Metropolitana FM

     April 9, 2011, in Vitória de Santo Antão, Brazil

Taha Hameed, Al-Massar TV

     April 8, 2011, in Baghdad, Iraq

Zaman Ibrahim, Daily Extra News

     April 2, 2011, in Karachi, Pakistan

Maria Len Flores Somera, DZME

     March 24, 2011, in Malabon City, Philippines

Umesh Rajput, Nai Dunia

     February 22, 2011, in Raipur, India

Hilal al-Ahmadi, Freelance

     February 17, 2011, in Mosul, Iraq

Ilyas Nizzar, Darwanth

     January 3, 2011, in Pidarak, Pakistan

E questo è l’elenco provvisorio del 2011 per paesi che è sul sito bdel Newsmuseum di Washington:

AFGHANISTAN
Ahmad Omaid Khpalwak, BBC (Great Britain), in AFGHANISTAN, July 28.

AUSTRALIA
John Bean, AUSTRALIAN BROADCASTING CORPORATION (Australia), in AUSTRALIA, August 18.

Paul Lockyer, AUSTRALIAN BROADCASTING CORPORATION (Australia), in AUSTRALIA, August 18.

BAHRAIN
Karim Fakhrawi, AL-WASAT, in BAHRAIN, April 12.

BRAZIL
Luciano Leitao Pedrosa, TV VITORIA, in BRAZIL, April 9.

Edinaldo Filgueira, JORNAL O SERRANO, in BRAZIL, June 15.

DEMOCRATIC REPUBLIC OF THE CONGO
Witness-Patchelly Kambale Musonia, Radio Communautaire de Libero Sud, in DEMOCRATIC REPUBLIC OF THE CONGO, June 21.

EGYPT
Ahmad Mohamed Mahmoud, AL-TAAWUN, in EGYPT, February 4.

EL SALVADOR
Alfredo Antonio Hurtado, CANAL 33, in EL SALVADOR, April 26.

GUATEMALA
Yensi Roberto Ordonez Galdamez, CHANNEL 14, in GUATEMALA, May 19.

HONDURAS
Hector Francisco Medina Polanco, OMEGA VISION, in HONDURAS, May 10.

INDIA
Umesh Rajput, NAI DUNIA, in INDIA, January 23.

Jyotirmoy Dey, MiD DAY, in INDIA, June 11.

IRAQ
Hilal Al-Ahmadi, FREELANCE, in IRAQ, February 17.

Mohamed Al-Hamdani, Al-ITIJAH, in IRAQ, February 24.

Muammar Khadir Abdelwahad, AL-AYN, in IRAQ, March 29.

Sabah Al-Bazi, AL-ARABIYA (United Arab Emirates), in IRAQ, March 29.

Taha Sanet Jaffar Al-Alawi, AL-MASAR, in IRAQ, April 8.

Alwan Al-Ghorabi, AFAQ, in IRAQ, June 21.

Hadi Al-Mahdi, RADIO DEMOZY, in IRAQ, September 8.

LIBYA
Ali Hassan Al Jaber, AL-JAZEERA (Qatar), in LIBYA, March 12.

Mohammed Al-Nabbous, LIBYA AL-HURRA TV, in LIBYA, March 19.

Anton Hammerl, FREELANCE, in LIBYA, April 5.

Tim Hetherington, Freelance, in LIBYA, April 20.

Chris Hondros, GETTY IMAGES, in LIBYA, April 20.

MEXICO
Luis Emanuel Ruiz Carrillo, LA PRENSA (Mexico), in MEXICO, March 25.

Noel Lopez Olguin, LA VERDAD DE JALTIPAN, in MEXICO, June 1.

Miguel Angel Lopez Velasco, NOTIVER, in MEXICO, June 20.

PAKISTAN
Wali Khan Babar, GEO TV, in PAKISTAN, January 13.

Nasrullah Khan Afridi, PAKISTAN TELEVISION CORPORATION (PTV), in PAKISTAN, May 10.

Syed Saleem Shahzad, ASIA TIMES ONLINE, in PAKISTAN, May 29.

Asfandyar Khan, AKHBAR-E-KHYBER, in PAKISTAN, June 11.

Shafiullah Khan, THE NEWS, in PAKISTAN, June 17.

PERU
Julio Castillo Narvaez, RADIO OLLANTAY, in PERU, May 3.

PHILIPPINES
Gerardo Ortega, RADIO MINDANAO NETWORK, in PHILIPPINES, January 24.

SIERRA LEONE
Ibrahim Foday, THE EXCLUSIVE, in SIERRA LEONE, June 12.

SOMALIA
Farah Hassan Sahal, RADIO SIMBA, in SOMALIA, August 4.

Noramfaizul Mohd Nor, BERNAMA TV, in SOMALIA, September 2.

THAILAND
Sornwichai Kongtannikul, RTA CHANNEL 5, in THAILAND, July 11.

THE DOMINICAN REPUBLIC
Jose Agustin Silvestre De Los Santos, LA VOZ DE LA VERDAD, in THE DOMINICAN REPUBLIC, August 2.

TUNISIA
Lucas Mebrouk Dolega, EUROPEAN PRESSPHOTO AGENCY (Germany), in TUNISIA, January 17.

YEMEN
Jamal Al-Sharaabi, AL-MASDAR, in YEMEN, March 18.

Mohammed Al-Thulaya, AL-SALAM, in YEMEN, March 18.

E poi negli annali del giornalismo la giornata di sangue a Mindanao (Filippine) nel novembre 2009: in un solo giorno uccisi  32 i giornalisti assassinati .Ecco l’articolo di allora:

FILIPPINE-ISOLA DI MINDANAO: SALE A 30 IL NUMERO DEI GIORNALISTI UCCISI

26.11.09 – Recuperati tutti i corpi e tutti identificati, sale a 30 il numero dei giornalisti uccisi nel massacro di Mindanao, avvenuto il 23 novembre scorso. Una data che rimarrà per sempre scolpita nella lunga e minacciosa muraglia che sta circondando in tutte le aree del mondo la piena libertà di stampa.

Questo l’elenco dei giornalisti uccisi:

Rey Merisco – Periodico Ini , Ernesto “Bart” Maravilla – Bombo Radyo, Lupo Lindogan – Mindanao Daily Gazette, Bienvenido Jr Lagarte – Prontiera News, Santos Gatchalian – DXGO, Jhoy Duhay – Gold Star Daily, Eugene Dohillo – UNTV, Gina Dela Cruz – Saksi News, Noel Decina – Periodico Ini, Lea Dalmacio – Socsargen News, John Caniban – Periodico Ini, Hannibal Cachuela – Punto News, Marites Cablitas – News Focus, Romeo Jimmy Cabillo – Midland Review, Andres “Andy” Teodoro – Journaliste au Central Mindanao Inqu,Ian Subang – Socsargen Today, General Santos City, Arturo Betia – Periodico Ini, Rubello Bataluna – Gold Star Daily, Napoleon Salaysay – Mindanao Gazette, Cotabato City, Alejandro “Bong” Reblando – Manila Bulletin, General Santos City, Fernando “Rani” Razon – Periodico Ini, General Santos City, Joel Parcon – Prontiera News, Koronadal City, Arriola, Mark Gilbert “Mac-Mac” – UNTV, Ronnie Perante – Gold Star Daily, Koronadal City, Araneta, Henry – Radio DZRH, Victor Nuñez – UNTV, General Santos City, Adolfo, Benjie – Gold Star Daily,  Rosell Morales – News Focus, General Santos City, Marife “Neneng” Montaño – Saksi News, General Santos City,  Reynaldo “Bebot” Momay – Midland Review, Tacurong City.

Intanto. un membro del potente clan familiare, principale sospettato della strage di giornalisti e politici nell’isola di Mindanao, è stato catturato alla polizia. Andal Ampatuan jr, figlio del governatore omonimo, ha però negato, secondo la France Press, di aver organizzato il massacro costato la vita a 57 persone. Il fermo è avvenuto alcune ore dopo che erano stati arrestati almeno una ventina dei suoi sicari, che sarebbero gli autori materiali della strage. Nel corso dell’operazione, le forze si sicurezza hanno ripreso il controllo anche delle città’ che sono la roccaforte della famiglia Ampatuan e disarmato circa 200 miliziani dell’esercito privato della potente famiglia. Andan Ampatuan jr, che è anche il sindaco di Datu Unsay, e i suoi due fratelli sono stati espulsi ieri dal partito della presidente filippina, Gloria Macapagal Arroyo, che finora era sempre stata una ferma alleata della famiglia.

Il gruppo, diretto agli uffici della Commissione elettorale provinciale di Shariff Aguak, è stato attaccato da oltre 100 uomini armati. Fonti investigative confermano che una parte delle vittime è stata uccisa a colpi di arma da fuoco, alcuni sgozzati e altri – sembra – sepolti vivi.

dichiarazioni:

Comunicato stampa di ISF: “L’assassinio di decine di giornalisti nel massacro compiuto a Mindanao dalle bande armate del governatore locale che ha fatto contare finora 46 cadaveri, non rappresenta solo il più grande massacro di giornalisti mai avvenuto nella storia, conferma le Filippine come uno dei Paesi più sanguinari del mondo per chi esercita questa professione. Fino ad oggi erano già 41 i giornalisti uccisi nelle Filippine solo a partire dal 2004. Queste cifre rappresentano un pesante capo di accusa nei confronti del Presidente Gloria Arroyo che gestisce ormai un sistema solo formalmente democratico, ma in realtà in balia di bande armate legate ai notabili locali che agiscono in regime di totale impunità e con gravi compromissioni del governo. “Qui regna una cultura dell’impunità”, dichiara il presidente dell’Associazione Nazionale dei Giornalisti Filippini  Benny Antiporda. E infatti nessuno degli omicidi di colleghi avvenuto in questi anni ha mai visto condannati gli esecutori. Dal momento dell’arrivo al potere di Gloria Arroyo le organizzazione umanitarie hanno contato circa ottocento delitti politici rimasti tutti impuniti. L’Associazione dei Giornalisti denuncia che le aggressioni nei confronti dei reporter sono sempre più violente e sfrontate e che ai delitti seguono minacce di morte nelle redazioni colpite. Alla vigilia delle prossime elezioni  si è voluto dare un sanguinario avvertimento intimidatorio alla stampa filippina. Forse la comunità internazionale dovrebbe togliere questo Paese dal capitolo delle democrazie asiatiche e collocarlo nell’elenco dei regimi più sanguinari del continente, dove merita (dati alla mano) uno dei posti di testa”.

Amnesty International: “Questo episodio sottolinea i rischi ai quali va incontro la popolazione civile nel periodo che precede le elezioni del maggio 2010.  Nelle Filippine, in particolare a Mindanao, eserciti privati al soldo di potenti e ricchi uomini politici si rendono responsabili di gravi violazioni dei diritti umani che di norma rimangono impunite. Sollecitiamo il governo filippino a vietare e smantellare gli eserciti privati e i gruppi paramilitari, a introdurre standard per la protezione dei diritti umani e ad assicurare l’applicazione di questi ultimi, soprattutto in un periodo pre-elettorale in cui gli omicidi politici rischiano di diventare più frequenti”.

Associazione Nazionale dei Giornalisti Filippini: “Qui regna la cultura della totale impunità”

Reporters sans frontières: “Mai nella storia del giornalismo, la professione aveva pagato un così pesante tributo in una sola giornata. Abbiamo spesso denunciato la cultura dell’impunità e della violenza nelle Filippine e specialmente a Mindanao. Questa volta è stata la follia omicida di uomini legati a politici corrotti che ha condotto a questo bagno di sangue incomprensibile.

International Federation of Journalists: “This is an event which shocks journalists around the world to the core”.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *