La petizione al Papa su Emanuela Orlandi ha superato le 17 mila adesioni

lunedì, novembre 21st, 2011

La petizione al Papa perché si faccia piena luce su Emanuela Orelandi (vedi post del 18 ottobre)  ha superato le 17 mila adesioni. Lanciata il 18 ottobre, primo firmatario Piretro Orlandi fratello della giovane sequestrata e scomparsa, la petizione verrà chiusa prima di Natale per essere consegnata alla Santa Sede. Qui di seguito due contributi, un articolo del giornalista del Corriere della sera Fabrizio Peronaci scritto per “Articolo 21”,  e un dispaccio d’agenzia Adnkronos.

“Una formichina può far poco: basta una pedata per schiacciarla. Ma un formicaio, quando cresce inarrestabile, e spunta da ogni buca, e si compatta, e marcia deciso verso il suo obiettivo, può diventare invincibile”. Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, la ragazzina vaticana scomparsa il 22 giugno 1983 nel centro di Roma e mai più ritrovata, ama le parole semplici. Cuore e pensiero. Da 28 anni, lui che all’epoca era un poco più che un ragazzo, si batte contro le “inconfessabili ragion di Stato”, sia italiane sia vaticane, che hanno impedito di fare luce sull’intrigo (terrorismo turco, servizi segreti dell’Est e dell’Ovest, ambienti della Santa Sede, Ior, Banco ambrosiano, malavita romana) che si è portato via sua sorella.

Oggi Pietro Orlandi rilancia. Nei giorni scorsi, in occasione delle presentazioni in giro per l’Italia del suo libro “Mia sorella Emanuela” e grazie al passaparola sul web, ha messo in circolazione una petizione a papa Benedetto XVI (di cui lui è il primo firmatario), che ha già raccolto oltre diecimila firme. “Ho intenzione di portarla in Vaticano, personalmente al pontefice, entro il prossimo Natale”, spiega. E aggiunge: “Molti di coloro che hanno aderito si sono offerti di essere presenti, di organizzare una manifestazione pacifica in piazza San Pietro. Mi fa piacere, stiamo valutando cosa fare…”.

Il concetto centrale della lettera-appello a Ratzinger è nelle prime righe: Pietro Orlandi (e con lui le migliaia di firmatari) chiede al papa “di porre in essere tutto ciò che è umanamente possibile per accertare la verità sulla sorte della Sua connazionale Emanuela Orlandi”. Più avanti viene precisato: l’intervento del pontefice, in quanto “capo di Stato e rappresentante di Cristo in terra”, si spera porti ad assumere in breve tempo “ogni azione e deliberazione utili all’accertamento della verità”.

E’ un’iniziativa senza precedenti: dopo quasi tre decenni di inchieste mai concluse, piste mai conosciute, intercettazioni telefoniche insabbiate, rogatorie allo Stato Vaticano lasciate cadere in un turibolare silenzio, la scommessa è che la mobilitazione dal basso, le migliaia di e-mail (molte anche dall’estero) di incoraggiamento alla famiglia, la richiesta forte di una presa di posizione ufficiale, inducano magistratura e pubblici poteri a fare luce su uno dei casi più inquietanti e controversi della storia repubblicana.

“In Vaticano non hanno mai voluto collaborare, nonostante ritengo sia un loro dovere morale capire cosa sia successo a una loro connazionale – aggiunge Pietro Orlandi – Adesso, se a chiedere trasparenza non sono più da solo ma assieme a decine di migliaia di persone, confido che questo muro di omertà possa iniziare a sgretolarsi”. L’appello del fratello di Emanuela è anche a “una corretta e coraggiosa informazione”, che non si trinceri dietro i segreti (pontifici o istruttori) che hanno segnato l’indagine infinita sulla scomparsa della figlia del commesso pontificio. Valga un caso su tutti: la pista di Bolzano. In 28 anni l’opinione pubblica non è stata mai informata del fatto che quattro persone (tra le quali un funzionario del Sismi in servizio tra Merano e Monaco di Baviera) furono indagate per anni e alla fine prosciolte dall’accusa di sequestro di persona, dopo che una signora altoatesina raccontò di aver visto Emanuela Orlandi mentre veniva rinchiusa (un mese e mezzo dopo la scomparsa) in un appartamento sotto al suo. Non una riga sui giornali. Non un lancio d’agenzia. Eppure l’inchiesta è stata ufficiale, la sentenza di proscioglimento (92 pagine datate 19 dicembre 1997, a firma del giudice Adele Rando) pubblica e liberamente consultabile.

Adesso, con la petizione, Pietro Orlandi è tornato a sperare: “Tanti dei personaggi coinvolti, a partire dal boss della Magliana De Pedis e da monsignor Marcinkus, sono morti – conclude – ma sicuramente tra Italia e Stato Vaticano ce ne sono qualche decina, magari molto anziani, che sanno cosa è successo o conoscono passaggi fondamentali della vicenda. La mia speranza, ecco, è che si mettano la mano sulla coscienza e parlino. Per mia sorella e per la mia famiglia, ma anche per ridare una prospettiva di verità e giustizia al nostro Paese”. CASO ORLANDI: OLTRE 17MILA ADESIONI A PETIZIONE PER VERITÀ, FRATELLO DENUNCIA ‘SITO PIRATÀ =      PIETRO ORLANDI, NON SI PUÒ GIOCARE CON BUONA FEDE, ENTRO NATALELA CONSEGNA       Roma, 19 nov. – (Adnkronos) – Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la giovane cittadina vaticana scomparsa 28 anni fa, che il mese scorso aveva lanciato un appello-petizione al Papa per chiedere veritá, denuncia oggi la presenza di un sito ‘piratá per la raccoltadi firme. «Ho denunciato – racconta all’Adnkronos Pietro Orlandi – la presenza di questo sito che ha giá raccolto più di 4500 adesioni senza che noi ne sapessimo nulla. Si rischia così di giocare con la buona fede delle persone che come me vogliono la veritá per Emanuela».       L’unico modo per aderire alla petizione, ricorda il primo firmatario Pietro Orlandi, è «inviare una mail all’indirizzo: petizione.emanuela libero.it precisando: ‘Aderisco alla petizione a papa Benedetto XVI per la veritá su Emanuela Orlandì». Un appello che non è caduto nel vuoto. A poche settimane dalla partenza dell’iniziativa «siamo – sottolinea Orlandi – giá oltre quota 17.000.Entro Natale vorremmo consegnarle. Ora stiamo valutando come fare».       Nella petizione Orlandi si rivolge al Papa: «Mi rivolgo a lei nella sua duplice veste di capo di Stato e di rappresentante di Cristoin terra – si legge – per chiederle di porre in essere tutto ciò che è umanamente possibile per accertare la veritá sulla sorte della suaconnazionale Emanuela Orlandi , scomparsa a Roma il 22 giugno 1983».       (Asc/Col/Adnkronos)19-NOV-11 19:06

tagged under: .

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to La petizione al Papa su Emanuela Orlandi ha superato le 17 mila adesioni

  1. santino says:

    corraggio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *