Bibli cerca nuovi soci (assegnato dal Comune alla libreria sfrattata un posto alla Lungara dove c’è da demolire per 900 mila euro…)

venerdì, marzo 9th, 2012

Incassato il via libera del Campidoglio a una nuova sede per far riaprire la libreria trasteverina di Bibli emergono subito i veri problemi. L’assegnazione da parte dell’assemblea capitolina (24 voti a favore, 4 astensioni) di 400 metri quadri a via San Francesco di Sales, accanto alla Casa delle Donne, si tinge subito di giallo. L’assegnazione infatti prevede anche il restauro degli ambienti e fatti quattro conti ci vorranno dagli 800 ai 900 mila euro. I capannoni sono da bonificare, le tettoie di eternit. Devono essere eliminate. Per i proprietari di Bibli – sfrattati ormai da mesi dalla loro storica sede di via dei Fienaroli – , insomma la strada è ancora in salita.

“Cercasi soci disposti a far fronte a queste ingenti spese”, spiega una delle due storiche proprietarie di Bibli, Agnese Andreoli. “Certo che siamo contente – spiega l’Andreoli che come socia ha Gabriella Magiulli -. Il fatto che dopo tanto tempo il Comune finalmente ci abbia assegnato uno spazio a Trastevere è importante. Però viste le condizioni della struttura che dobbiamo restaurare sono subito scattate nuove preoccupazioni, di non piccolo conto”.  L’Andreoli infatti non è preoccupata dall’affitto che sarà di poco più di tremila euro al mese (39 mila all’anno), quanto dal lungo lavoro di ristrutturazione che richiede un forte investimento che sfiora il milione di euro. Almeno questa è la cifra che è stata individuata finora. “Perciò abbiamo bisogno di investitori, nuovi soci, altrimenti non ce la possiamo fare”, conclude Agnese Andreoli. Riuscirà Bibli a riaprire davvero i battenti? (nella foto l’ultimo giorno in via dei Fieneroli)

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *