Il Post Viola scopre che 94 senatori del Pd (su 101) hanno votato a favore delle pensioni d’oro ai superburocrati. Chi ha avuto questa idea: Anna Finocchiaro?

sabato, maggio 5th, 2012

Il Post Viola mette alla gogna 94 senatori del Pd, “rei” di aver votato a favore del mantenimento delle pensioni d’oro per i superburocrati (solo in sette avrebbero votato contro).

Aldilà della lista di proscrizione, il voto dei senatori Pd – con tutte le diversità tra loro – mostra una seria contraddizione. Sarebbe auspicabile che qualcuno spiegasse meglio cosa è successo. E soprattutto da chi è partita questa indicazione di voto. Anna Finocchiaro cosa dice? Ecco il testo de Il Post Viola:

Qualche giorno fa un fatto clamoroso ha scosso il Senato. Nella votazione sui tagli alle pensioni d’oro ai supermanager pubblici il governo (che voleva difenderle) è stato battuto grazie da un emendamento di Idv e Lega. Sorprendentemente, la maggioranza dell’Aula si è dichiarata favorevole ad intervenire sul trattamento pensionistico dei burocrati di Stato che oggi godono di stipendi favolosi e domani avrebbero goduto di pensioni altrettanto favolose. Ne abbiamo parlato qua. Forse, finalmente, si sono resi conto che in un momento in cui tutti gli italiani vengono chiamati a grandi sacrifici togliere qualche euro ai boiardi di Stato, che oggi percepiscono, come il presidente dell’Inps o quello di Equitalia, stipendi fino a 1.200.000 euro all’anno (pagati da noi) sarebbe stato un atto minimo di equità.

E tuttavia, in 94 si sono battuti come leoni contro quell’emendamento e a favore del mantenimento delle pensioni d’oro. Tutto il Pd, ad eccezione di sette senatori che, in uno scatto di dignità, hanno votato contro. Ad esprimersi a favore dell superpensioni dei manager pubblici troviamo, per esempio, figure del calibro di Anna Finocchiaro, Enzo Bianco, Maurizio Gasparri o Pietro Ichino, lo stesso che va in giro a predicare il superamento del divario tra le generazioni.

Non è stato facile trovare i nomi dei 94. Nessuno li ha pubblicati o diffusi, forse pensando così di occultare un dato importantissimo e imbarazzante. Noi invece pensiamo che gli elettori debbano sapere come si muovono i propri rappresentanti dentro il Parlamento, perché è lì, nei meandri dell’attività parlamentare, che va giudicato il loro lavoro e non sui giochetti retorici nei salotti tv. E allora ci siamo messi al lavoro: siamo andati sul sito del Senato, spulciato i resoconti stenografici, individuato (con difficoltà) il codice della votazione e infine elaborato questo elenco. E’ questo, secondo noi, il compito di chi fa informazione, anche di chi, come noi, la fa in maniera volontaria e gratuita (a proposito, se volete sostenerci andate qua) Di seguito l’elenco. Vi invitiamo a diffonderlo il più possibile

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

4 Responses to Il Post Viola scopre che 94 senatori del Pd (su 101) hanno votato a favore delle pensioni d’oro ai superburocrati. Chi ha avuto questa idea: Anna Finocchiaro?

  1. Carlo Turco says:

    Peccato che dimenticate di far presente che la posizione governativa – a favore della quale hanno votato tanti senatori PD ma senza, per quel che se ne sa, “battersi come leoni” – era motivata essenzialmente da un fatto tecnico: e cioè che la disposizione che ne sarebbe venuta fuori sarebbe stata contestabile dagli interessati in base ad una passata sentenza della Corte Costituzionale. L’obiettivo di ridurre privilegi e pensioni d’oro va benissimo: ma bisognerebbe perseguirlo in modo adeguato, con provvedimenti tecnicamente inattaccabili. Altrimenti quello che si fa è semplicemente ricercare facili consensi, infischiandosene di fatti e conseguenze reali. Fare can-can su queste cose ricorda un po’ tanto i metodi della “cattiva politica”: che non si batte certo con una “cattiva politica” speculare.

    • Lillo V. says:

      Già, ma è possibile che il governo abbia appositamente fatto il dispositivo in modo contraddittorio, per costringere i senatori e deputati a votarlo. In fin dei conti non sarebbe la prima volta. E poi non mi sembra che qualche sem del PD abbia detto ciò, oforsr la Finocchiaro, ma in tempi di lupi e magra, ciò non può essere addotto come giustificazione. Intanti si vota no, poi si vede. Non è politica questa? E cosa è politica, prebdere in giro la gente. Ancora sia dal governo che dalla casta, non si è visto alcun provvedimento atagli selettivi indirizzati a chi prende centinaia di migliaia di euro all’anno. Evidentemente non vogliono togliersi la cintura di casta.

    • benedetto says:

      Ma per favore non facciamo ridere pure i polli!!!! Secondo loro si parla di diritti acquisiti ma pure le pensioni e gli stipendi di fame sono diritti acquisiti che però vengono erosi di continuo. Sulla riforma delle pensioni (vergognosa !!!!) e sulle tasse nel giro di qualche giorno detto e fatto per il resto si cercano tutti i cavilli per non farlo…..Il problema serio e che qualcuno ancora li giustifica……

  2. I Ladri di governo rubano e rubano. Alla gente comune viene rubato l´ultimo Centesimo e i ladri responsabili della miseria si arrichiscono. Arriviamo ancora al punto dove i salari incassa lo stato e la gente riceve soltanto piu buoni per alimentari, scalati a calorie di lavoro. I nazisti non potevano fare meglio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *