Mustapha Dieng, unità spinale, Firenze: “Abbiamo messo uno di noi a curare il nostro fratello ferito -dice il portavoce dei senegalesi -. L’abbonamento per andare ogni giorno in ospedale glielo paghiamo noi…”

lunedì, novembre 26th, 2012

Renzi non ha tempo per Mustapha Dieng. Il giovane senegalese è ancora nell’unità spinale a un anno dal feroce attentato del fascista che ha ucciso due altri senegalesi. Per mesi e mesi Mustapha Dieng è stato assistito fondamentalmente dai suoi amici senegalesi. A metà dicembre si terrà in ricordo della strage un concerto al Mandela Forum, il neoministro della cultura del Senegal Youssu Ndour verrà a Firenze, altri canteranno al posto suo. Ma che fa Firenze per Mustapha?

Il giovane è stato di nuovo operato nei giorni scorsi. Al suo capezzale i senegalesi hanno messo da parecchio tempo un altro di loro, si chiama Mediagne, ogni giorno va a prendersi cura di Mustapha.

“Beh, gli paghiamo noi l’abbonamento per andare all’ospedsale – spiega il rappresentante dei senegalesi a Firenze, Pape Diau Mbaye -. L’amministrazione comunale? L’assessore in passato si è occupato di Mustapha. Ma se non ci fosse Mediagne non ci sarebbe nessuno ad occuparsene con continuità. Alla città di Firenze dico: portate un saluto, portate una carezza al nostro povero fratello che sta male…”.

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *