Ingroia si candida, nasce il “quarto polo” con Di Pietro, De Magistris, Orlando. Mah, si vedrà…

venerdì, dicembre 21st, 2012

IAntonio ngroia, cxme prevedibile, si candida. E chiede confronti con Bersani e Grillo. Con lui De Magistris, Leoluca Orlando e Antonio Di Pietro. Ma anche Paolo Ferrero. Così il cinema teatro Capranica a Roma gremito venerdì sera, per “Io ci sto”. La cronaca che segue è di repubblica Napoli, io non sono riuscito ad entrare perché avevano chiuso la porta per il teatro ormai gremito. Pazienza. Che dire di Ingroia?  E’ uscito dalla serie dei “re tentenna” che ci riserva questa fase politica. Si candida, Bene. Le posizioni politiche non sono molto chiare. Antiberlusconiano, sì, è anti dell’utri sì. Ma poi? Ed era proprio necessario allora accettare la missione in Guatemale che l’ha accolto come il fiscal antimafia? Poteva dirlo subito. Bah. Comunque, ora si vedrà, strada facendo. La presenmza di Di Pietro: che dire? Intanto è nata una nuova aggregazione di sinistra. Ecco l’articolo di repubblica:

Alla fine Antonio Ingroia scioglie la riserva sulla sua candidatura: “Se ci siete tutti, se ci siamo, anche quelli della società civile, io sono disponibile a candidarmi in un movimento unitario”. Così, dal palco del teatro Capranica di Roma, arriva l’annuncio atteso. La platea applaude.  Ingroia invita Antonio Di Pietro (Idv), Olivero Diliberto (Pdci), Paolo Ferrero (Prc), Angelo Bonelli (Verdi) a fare “un passo indietro”. “Il modo migliore per far fare un passo avanti alla società civile è fare un passo indietro”, dice l’ex pm, specificando che ciò “non significa sparire, perché vi vogliamo con noi nella battaglia”. Ingroia, come preciserà dopo, chiede in realtà ai leader di rinunciare ai simboli di partito, non di escludersi dalla prossima competizione elettorale.

Le immagini/Ingroia al Capranica

Aggiunge che il ‘nuovo polo’ non deve essere “un collage, un’accozzaglia di colori, un arcobaleno, ma una nuova identità che nasce e che dobbiamo portare a sintesi unitaria”. Solo “se riusciamo a realizzare tutto questo, sono disponibile a candidarmi per portare questa battaglia avanti anche in parlamento”.

Poi Ingroia lancia un appello a Bersani e a Grillo: “Da questa assemblea di oggi io chiedo un confronto con il segretario del Pd Bersani e chiedo un confronto senza pregiudizi. Lo chiedo perché conosco molte personalità del Pd che hanno le mie idee. E lo faccio con l’orgoglio della nostra autonomia come polo politico in costruzione”. Poi tocca a Grillo: “Non mi sottrarrei a un confronto con il movimento Cinque Stelle. Conosco Beppe Grillo da anni, l’ho apprezzato per alcune sue battaglie prima che intraprendesse attività politica”. Secondo l’ex pm, Grillo ha usato “a volte toni troppo arrabbiati”, ma demonizzare i Cinque Stelle è “sbagliato” e conta su elettori “indignati con l’Italia delle mafie e delle cricche”.
“Dobbiamo continuare a rottamare e solo rottamare, solo distruggere, o anche a ricostruire?”, domanda Ingroia. “Bisogna usare l’indiganzione dopo la rottamazione”.

Un discorso iniziato un’ora prima, nel Capranica pieno in ogni ordine di posti. “Di sicuro siete qui in nome della Costituzione di cui ho una copia nella mia mano, e non siete qui solo per me. Siete anche curiosi di sapere se Ingroia si candida o no. Vi dico subito che dovrete pazientare, sono qui per fare una domanda anche a voi: voi ci siete? la mia risposta è già nell’essere qui. L’Italia è ormai un paese malato e senza memoria. Io sono qui anche nel nome di Falcone e Borsellino”. Lo dice Ingroia, aprendo i lavori nell’ex cinema Capranica. E’ l’assemblea di “Io ci sto”. Il meeting del “Quarto polo” – anche se il nome non piace allo stesso Ingroia – con Arancioni, Rifondazione, società civile, sindaci come de Magistris e Orlando, da cui potrebbe scaturire una lista con un candidato premier: Ingroia, appunto. Alle parole del magistrato, parte un applauso scrosciante dalla platea.

“La mia decisione di candidarmi dipende da voi, dall’impegno che metterete per cambiare – premette -. Dobbiamo cambiare la classe dirigente del paese, se non cambiamo il paese non può crescere, questa classe dirigente ha scelto di convivere e fare affari con la mafia”, prosegue Ingroia.

“Noi dobbiamo osare, e per osare ci vuole una rivoluzione pacifica, civile, della società civile io ci sto mi metto a disposizione di questo progetto nel modo in cui voi riterrete più opportuno – aggiunge Ingroia -, io ci metto la faccia, lo so che è difficile ma se continuiamo ad aspettare vedremo passare il cadavere dell’Italia, perchè l’Italia sta morendo”. Il magistrato siciliano sottolinea che la “decisione di starci determinerà attacchi e accuse, prezzo che pagherà la magistratura e la campagna elettorale”.

“Se qualcuno dice che il mio intervento qui oggi è la riprova che ero un pm politicizzato, lo deve dimostrare. Non basta dire che le inchieste che ho condotto erano politicizzate”. L’ex pm di Palermo ricorda, ad esempio, che Marcello Dell’Utri è stato condannato in primo grado, successivamente in appello e che la sentenza è stata confermata dalla Corte di Cassazione. “Quindi – prosegue Ingroia – sfido chiunque a dimostrare che io abbia orientato le mie indagini a fini politici. Io ho fatto il pm e non ho mai indossato nessuna maglia politica”.

Poi Ingroia attacca ad alzo zero il Pdl: “Alle cose che dice Dell’Utri, condannato per associazione mafiosa, io non rispondo. Alle cose che dice il signor Berlusconi, padrone del partito di Dell’Utri, non rispondo. Agli attacchi frontali del piduista Cicchitto non rispondo. Io però- aggiunge- so che loro hanno paura degli uomini con la schiena dritta”.

Ingroia prosegue lanciando un appello: “Aggregatevi a noi. Ad un nuovo polo che non è terzo o quarto, perchè noi non siamo secondi a nessuno – ha detto – l’unico vero polo per un governo alternativo al berlusconismo e al montismo. Senza se e senza ma, senza equivoci”.

Ingroia continua: “E’ l’ora di usare l’indignazione per una rivoluzione civile. Noi abbiamo un’arma potente, che è l’onestà. Lo diceva già Miguel de Cervantes alcuni secoli fa: la migliore arma è l’onestà. Non si tratta perciò di accettare una candidatura: un seggio parlamentare non mi interessa. Ho già rifiutato varie proposte, per esempio di fare il sindaco di Palermo o il presidente della regione Sicilia. Si tratta invece di assumere una responsabilità. Mi interessa se una candidatura nasce da un progetto. Oggi qui è nato un progetto. E ho bisogno che tutti voi partecipiate a questo risveglio della società civile”.

L’ex pm diventa via via più esplicito: “Abbiamo bisogno di associazioni, sindacati dei cittadini, di partigiani della costituzione”. Chiede di fare “un passo avanti” a diverse personalità: “Il primo a cui mi rivolgo è Maurizio Landini. E con lui Salvatore Borsellino, don Luigi Ciotti, le donne di ‘Se non ora quando’, Michele Santoro, Sandro Ruotolo. Non è un invito a candidarsi, l’invito ad accompagnarci al nostro fianco”, dice Ingroia. “Se poi volete candidarvi, ancora meglio”.

L’assemblea inizia con l’abbraccio tra Luigi de Magistris, Antonio Di Pietro e Leoluca Orlando. L’assemblea prova a tradurre in un solo movimento e in un’unica lista il movimento degli Arancioni di de Magistris, Italia dei valori di Antonio Di Pietro, il Prc di Paolo Ferrero, anche lui in sala.

Poltroncine di velluto rosso gremire pere l’iniziativa  “Io ci sto”.  Sul palco una ragazza recita i dieci punti del “manifesto”,  “la guida per un serio governo riformista e democratico”. Su questo Ingroia, che qui tutti vogliono candidato premier, annuncerà che chiede un confronto aperto con il centrosinistra. De Magistris, il vostro candidato premier è Ingroia? “Certo, altrimenti che staremmo a fare qui?”, risponde il sindaco di Napoli. Arrivano intanto le adesioni: dopo Gino Strada, Fiorella Mannoia, Vauro, Franco Battiato, Lilly Moratti, il dj Max Paiella, Sabina Guzzanti, il regista di Viva l’Italia Massimiliano Bruno.

(21 dicembre 2012)

tagged under: .......

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *