Legge sul negazionismo: per colpire chi? Quattri scribacchini nottetempo sui muri? O chi in doppiopetto li ispira, orienta e legittima dall’alto alla luce del sole?

lunedì, gennaio 28th, 2013

Negazionismo. Negare la natura evidente del fascismo non è negazionismo? Parlare di un fascismo che ha fatto anche “tante cose buone” non è negazionismo?

Ieri dal palco di fronte al Colosseo ho sentito invece parlare di “scivolone” di Berlusconi. Che cosa significa questa derubricazione del suo pensiero revisionista? Suona vagamente riduttivo ed assolutorio. Il richiamo che poi Riccardo Pacifici ha fatto alla legge sul negazionismo – fermata dalla fine della legislatura – chi dovrebbe riguardare: i quattro disgraziati che scrivono sui muri? E non chi dall’alto ne costituisce una fonte di legittimazione e di orientamento?

Gradiremmo risposta.

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Legge sul negazionismo: per colpire chi? Quattri scribacchini nottetempo sui muri? O chi in doppiopetto li ispira, orienta e legittima dall’alto alla luce del sole?

  1. Felice Cipriani says:

    Non è possibile che la Comunità Ebraica di Roma con il suo presidente si occupi molto di questioni internazionali e non dica nulla su quanto è stato detto ieri a Milano da Berlusconi, oggi da Gasbarri e Brunetta. Alle parole di questi tristi figuri sono seguite svastiche su lapidi partigiane, offese agli ebrei a Roma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *