Giubbotti e cappotti: Aduc segnala furti dagli appendiabiti dei ristoranti

venerdì, febbraio 15th, 2013

Da Aduc questa segnalazione: attenti a giubbotti e soprabiti al ristorante…

Furti al ristorante

Roma, 15 Febbraio 2013. Fa freddo  e cappotti, e quant’altro, sono d’uso giornaliero. La sera sono d’obbligo e andare a cena al ristorante puo’ riservare sorprese. Pagato il conto al cameriere, ci si avvia verso l’appendiabito e inaspettatamente ci si accorge che la nostra giacca, il soprabito, il cappotto o il giubbotto non ci sono piu’. Si cerca freneticamente ma il risultato e’ lo stesso. E’ una situazione sgradevole che puo’ succedere, specialmente quando, per moda, una tipologia di vestiario si diffonde e piu’ persone acquistano lo stesso prodotto. Anni fa un tipo di giubbotto di pelle era cosi’ diffuso che, per evitare scambi indesiderati, si usava scrivere sull’etichetta interna il proprio nome e numero telefonico. In caso di furto il ristoratore puo’ essere chiamato in causa? No, se l’appendiabito e’ in sala, sotto gli occhi di tutti, se invece l’abito viene consegnato in custodia al personale di servizio, per essere riposto nel guardaroba, allora il ristoratore puo’
essere
chiamato a risponderne. Attenzione quindi a soprabiti e cappotti al ristorante: dopo il conto, una sgradevole sorpresa puo’ rendere la cena indigesta!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc.

COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Ufficio stampa: Tel.055290606 – Email: ufficiostampa@aduc.it

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *