Le Fosse Ardeatine, con Kappler fatto fuggire dall’Anello e i familiari dell’Anfim abbandonati dallo Stato

sabato, marzo 23rd, 2013

24 marzo, l’eccidio delle Fosse Ardeatine. Kappler macellaio, che aggiunge di suo altre quindici vittime all’elenco delle 320 iniziali. Kappler fatto poi fuggire dalla struttura segreta dell’Anello, portato da Adalberto Titta  fino al confine per essere consegnato ai tedeschi. Kappler richiesto con insistenza massima anche dal cancelliere socialdemocratico Schmidt, perché la Germania non poteva ammettere che il capo della polizia tedesca (la Gestapo) potesse restare prigioniero dei “traditori” italiani. Kappler che comandava Priebke e gestiva quel mattatoio che era via Tasso 145.

Non possiamo dimenticare. E 1l 24 mattina sarà letto come ogni anno l’interminabile elenco delle vittime che inizia con Agnini Ferdinando…

Ma non possiamo dimenticare neanche che l’associazione dei familiari delle vittime, l’Anfim, sta in pratica perdendo la sede oltre ai contributi che lo Stato ha in pratica quasi annullato.

Una vergogna.

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *