Ungheria: all’università cartelli di minacce antisemite sulla porta di Agnes Heller e di altri docenti ebrei

mercoledì, marzo 20th, 2013

Budapest, 19 Marzo 2013 – Continua la diffusione degli episodi di antisemitismo in Ungheria: dopo le onorificenze conferite dal premier Viktor Orban a tre “intellettuali” notoriamente antisemiti e vicini al partito di estrema destra Jobbik, che con il 17% raggiunto alle ultime elezioni politiche del 2010 è diventato uno dei partiti più importanti nel parlamento magiaro, è notizia di oggi l’ignobile intimidazione contro docenti di religione ebraica dell’Università di Budapest, che hanno trovato sulle porte dei loro uffici slogan come “Ebrei! Quest’università è nostra, non la vostra. Attenti!”.

Fra gli accademici colpiti dalle intimidazioni, ci sono la filosofa Agnes Heller (nella foto), allieva di Gyorgy Lukacs, il professore di Estetica Peter Gyoergy ed altri docenti di origine ebraica.

Il rettore dell’Università di Budapest ha denunciato le intimidazioni alla polizia, che ha avviato un’indagine. Recentemente, la stampa ha scoperto che la direzione dell’organizzazione studentesca dell’ateneo è finita nelle mani di estremisti nazionalisti, appartenenti al partito Jobbik, che hanno schedato gli studenti membri: registrando se siano di origine ebraica oppure no, e quale sia l’orientamento sessuale.

Ansa, 19 Marzo 2013)

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

2 Responses to Ungheria: all’università cartelli di minacce antisemite sulla porta di Agnes Heller e di altri docenti ebrei

  1. Luciana Daniotti says:

    e l’Europa tace? Parliamo tanto di evoluzione e progresso ma questi non ci possono essere se si dimenticano i fatti, orribili, del recente passato nazista. Sono nauseata.

  2. Claudia says:

    Proviamoci, come sempre più spesso “dal basso”.
    ecco una pagina Fb che spera di essere utile: https://www.facebook.com/pages/Europe-for-Hungary/480400098675801

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *