Gina Hoover all’Ecos di via Giulia

mercoledì, aprile 17th, 2013

Segnalo questa mostra di una giovane americana a Roma, Gina Hoover. Oggi alla galleria “Ekos” di via Giulia 81° alle 18, curatrice Pia Candinas.


Ecos Gallery

Via Giulia 81/a, 00186 Roma

06 68803886 — 392 0519674 — 349 8526319

info@ecosgallery.com www.ecosgallery.com

Orario galleria:

Martedì – Sabato 15.00 – 19.30

Visioni in pittura

Giovani artiste americane a Roma

a cura di Pia Candinas

Gina Hoover

Silent Interactions

Inaugurazione 17 aprile 2013 ore 19.00

Finissage 14 maggio

Jamie Felton

Abstraction and Freedom

Inaugurazione 21 maggio 2013 ore 19.00

Finissage 11 giugno

La Ecos Gallery avvia, a partire dal mese di aprile, un nuovo programma artistico fortemente declinato sulla giovane pittura americana. Si tratta di due mostre (tra loro consecutive) scelte e curate da Pia Candinas, apprezzata dal pubblico italiano per aver contribuito alla promozione e valorizzazione di artisti statunitensi, e non solo.

Le due artiste selezionate – Gina Hoover (1990) e Jamie Felton (1986) – si sono formate alla prestigiosa Tyler School of Art di Philadelphia e alla sede romana della Temple University (che accoglie la Tyler di Philadelphia). E proprio qui hanno fatto conoscenza con Pia Candinas: la quale, colpita dal loro inusuale capacità inventiva, ha instaurato con loro un intenso confronto e dialogo.

La presenza di artisti americani che scelgano Roma come luogo di studio (e in alcuni casi come luogo privilegiato della loro residenza) è una consuetudine acquisita. Lo è stato già dalla fine dell’Ottocento (basti pensare a Thomas Cole e Albert Bierstadt, o, in tempi più recenti, Philip Guston, Sol LeWitt e Cy Twombly) e lo è ancora oggi: a partire dalla affermatissima Francesca Woodman che negli anni ‘70 studiò presso la RISDI a Roma, e qui creò alcune delle sue opere più importanti.

La prima mostra si inaugura il 17 aprile, ed è dedicata a Gina Hoover che espone in questa occasione un vasto numero di piccoli ritratti a olio su carta (dimensione carta postale) scelti tra un insieme di 150 dipinti intitolati The Facebook Series. Attraverso le sue opere, Gina ci invita a entrare nell’intimità del suo sguardo: immagini (all’inizio forse fotografie) di amici coetanei, parenti, compagni di studio, e che diventano opere avvolgenti grazie a uno straordinario uso del senso di luce, di ombra: una padronanza di neri, gialli, verdi, rosso, bordeaux e blu che talvolta ricordano Goya o anche Manet.

Lo stesso vale per le tele di formato più grande: figure umane misteriose, spesso famigliari o parenti presi da vecchie fotografie; uno sfondo visionario di paesaggi che assomigliano a immagini rurali della Depressione statunitense. Il ritratto Jacob C. Willems (2011) sembra riferirsi alla tradizione pittorica e ritrattistica del Novecento, ma l’oggetto della ricerca della Hoover è fortemente debitore (anche) al codice fotografico, facendo da transfert per le sue numerose composizioni.

Tutte e due le artiste presentate in questo programma dalla ECOS Gallery, inscindibilmente legate alla conoscenza e alla tradizione della pittura classica e contemporanea, si rivolgono all’opera d’arte con interrogativi molteplici: domande, che, come nel caso di Jamie Felton, la cui mostra si inaugura il 21 maggio, portano a ribaltare l’essenza dell’opera stessa: per poi trasfigurarla, plasmarla, trasformarla in sculture, installazioni, oggetti; per poi – tornando infine al punto iniziale del percorso – proporre un’opera felicemente compiuta, per quanto sperimentale (vedi il quadro Hold, 2012). Jamie Felton è pittrice e, parallelamente, scultrice nonché autrice di innovative installazioni e di un video dedicato alle infinite variabili–opportunità esplorazioni– ispirate dalla ricerca cromatica (il video – Trying to find the color of the Sunset through a single Kiss – che l’artista realizzò nel 2012 a Roma, e che sarà presentato e proiettato negli spazi della Galleria).

Gran parte delle sculture e dei dipinti di Jamie Felton esposti negli spazi della Ecos Gallery risalgono al 2012, quando l’artista studiava alla Temple University di Roma. I dipinti su tela di data più recente, e arrivati insieme all’artista da Philadelphia per questa mostra, si distinguono nell’immediato al nostro occhio: colori intensi ma tenui, in gran parte assenti gli stralci e inserimenti di gesso inevitabilmente presenti nei quadri precedenti.

Nelle due mostre in programmazione, Gina e Jamie si confermano artiste (a dispetto della giovane età) sicure e rigorose. E se ognuna porta il carico della sua personale sensibilità ed esperienza (biografica e culturale), tutte e due le artiste sono accomunate da una gestione determinata dello strumento pittorico: un pennello che diventa una falce che fa breccia in un grande campo di grano. Entrambe, infine, sono guidate da un’esigenza, una condizione e un interrogare che non dà risposte perché nasce da una grande libertà interiore: forza, freschezza e coraggio che traspaiono netti dalle loro opere.

Il loro scopo (più che accontentarsi del piacere della ricerca) è quello di “trovare”: mettere in scacco talento e emozioni, produrre l’opera senza svelarci alcun segreto. E, così facendo, ci portano alla mente quelle forze della natura che con la loro “sublime” funzione, in apparenza irrazionale, sollecitano nello spettatore la sensazione di scorgere – “scoprire” – qualcosa dapprima mai visto.

Un ringraziamento particolare va a Enzo Cucchi e a Brunella Antomarini, che, negli ultimi 20 anni, insieme a Pia Candinas, hanno dedicato tante visite agli studi dei giovani artisti della Tyler School of Art/Temple University di Roma. Un’ulteriore ringraziamento va a Riccardo Buzzanca e a Gianni Dessì.

Un catalogo che include le due mostre, arricchito dalle schede critiche di Pia Candinas (seguiti da un’intervista con ciascuna delle artiste), sarà appositamente presentato alla stampa nella seconda metà di aprile.

Gina Hoover


tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *