La polizia di Erdogan si scatena contro piazza Taksim, un morto. Arrestati 73 avvocati. Per le 19 appello dei manifestanti: tutti a Taksim

martedì, giugno 11th, 2013

Attacco militare disposto da Erdogan contro Piazza Taksim ad Istanbul. L’intervento alle 13 ora locale. Human Right Watch denuncia un morto. Decine di manifestanti feriti. Le ambulanze non arrivano alla piazza. Arrestati 73 avvocati che difendono manifestanti arrestati. Il leader dell’opposizione: Erdogan è un dittatore. Lunedì ferito gravemente ad Ankara un altro manifestante, un poliziotto gli ha sparato. Leader del partito di opposizione Chp si dirigono su piazza Taksim. Il portavoce dell’Sdp denuncia distruzioni doi sedi del partito da parte del regime, l’Akp di Erdogan. Per le 19 chiamata a raccolta di tutti i manifestanti a piazza Taksim. In Turchia dopo 13 giorni di manifestazioni antigovernative è in corso oggi un durissimo braccio di ferro.

Erdogan non si ferma. «Toglieremo gli alberi da Gezi Park, saranno ripiantati in un altro posto» ha detto il premier turco davanti al gruppo parlamentare del suo partito. E a conferma di questo annuncio, le forze dell’ordine hanno intensificato le operazioni. Decine di poliziotti in tenuta antisommossa sono infatti entrati nel Gezi Park di Istanbul, cuore della rivolta contro il premier Erdogan. La polizia aveva già occupato piazza Taksim, rimuovendo le barricate. Decine di poliziotti con l’appoggio di blindati con cannoni ad acqua, avevano attaccato la piazza, facendo un uso massiccio di lacrimogeni per disperdere i pochi manifestanti sul posto. Ma poco dopo gli attivisti sono tornati in piazza. Intanto il direttore di Human Right Watch, Carroll Bogert, dal suo account twitter spiega che «dalla tenda del primo soccorso dicono che c’è un morto, colpito alla testa dai lacrimogeni».

Per tutta la mattinata la tensione è stata altissima. Gli agenti hanno lanciato centinaia di lacrimogeni, usato gli idranti. I manifestanti hanno risposto con pietre e bottiglie. Intanto erano riusciti a costruire barricate con pezzi di alluminio tutto intorno a piazza Taksim. Ma la polizia è riuscita a entrare comunque. Quindi gli scontri sempre più violenti. Tanto che dalla piazza continuano a ripetere che ci sono decine di persone ferite ma che le ambulanze non riescono ad arrivare.

Intanto alla procura di Istanbul sono stati arrestati gli avvocati che avevano difeso i manifestanti di Gezi Park. Secondo l’associazione sono 73 le persone fermate.

Scontri tra polizia e manifestanti sono avvenuti anche lunedì. In un video pubblicato su Youtube e diffuso da una televisione turca, si vede chiaramente un poliziotto che durante gli scontri in una via della capitale, apre il fuoco contro un giovane manifestante. Il ragazzo sarebbe ora ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Ankara. Le violenze sono esplose in tutto il Paese.

Il leader dell’opposizione turca Kemal Kilicdaroglu invece ha reagito all’attacco della polizia contro Piazza Taksim accusando il premier Recep Tayyip Erdogan di essere un «dittatore».

Ore 16,30 italiane: ultime notizie dal sito http://turkishspring.nadir.org/index_eng.html

Scontri in corso ad Istanbul a Cumhuriyet Avenue, Harbiye, barricate a Talimhane. I socccorsi continuano a non arrivare a piazza Taksim

tagged under: .

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *