Complimenti Bonino, tanti anni di battaglie radicali spazzati via. Nel caso Shalabayeva prelevata sotto il tuo dicastero ed espulsa anche una bambina di sei anni

domenica, luglio 14th, 2013

Cara Emma, leggo che non ti dimetti per il caso Shalabayeva. Vorrei solo osservare che l’infamia maggiore della vicenda è legata a una bambina di sei anni, colpevole di essere la figlia di una moglie di un dissidente kazako. La piccola è stata espulsa (come la madre) in meno di tre giorni. Complimenti diavvero.

La figlia di Alma Shalabayeva, Alua, di soli sei anni, è stata prelevata dalla casa di residenza senza che dell’operazione siano stati stilati verbali, ed è stata successivamente affidata a tre persone diverse nel giro di tre giorni senza che vi fosse alcun provvedimento scritto dell’Autorità giudiziaria presso il Tribunale dei minori, e con pareri positivi del PM sempre riferiti come “orali”.

Questo apprendo da un’interpellanza patlamentare di Arturo Scotto (Sel), più altri.

Complimenti, Bonino. A questo serviva una radicale agli esteri?

Perchè delle due l’una: o sei corresponsabile oppure sennò produci atti chiari per non esserlo.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

2 Responses to Complimenti Bonino, tanti anni di battaglie radicali spazzati via. Nel caso Shalabayeva prelevata sotto il tuo dicastero ed espulsa anche una bambina di sei anni

  1. antonio says:

    complimenti,brogi!A questo tipo di informazione serve un “giornalista”
    Perché,delle due l’una : o sei in malafede(ipotesi più probabile),o sei uno pseudo giornalista, che non si informa prima di “informare” gli altri.Ma magari fare informazione corretta non è esattamente la tua priorità…

    • paolo brogi says:

      Dunque, qual è il problema? Una bambina di sei anni è stata espulsa, si presume dal governo di cui Bonino è parte significativa per la questione. La Bonino, oltre a dire che non si dimette, che fa nei confronti di chi nel governo di cui fa parte ha comunque deciso l’espulsione della bambina e della madre colpevoli di essere della famiglia di un dissidente? Accetta la versione Letta, nessun ministro lo sapeva? Accetterà che alla fine sarà trovato un piccolo capro espiatorio, tipo un sottoposto di Alfano come sembra? Per il momento tace. Chi farà la battaglia trtansnazionale (per usare un aggettivo caro a voi radicali) per la bambina, quantomeno?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *