Miserabile Pd. Il sindaco di Forte dei Marmi recinta un sottoponte per togliere l’ombra agli ambulanti immigrati

mercoledì, luglio 24th, 2013

Un sindaco nega un po’ d’ombra ai venditori immigrati. Recintata a Forte dei Marmi la zona sotto un pontile, dove gli ambulanti trovavano un po’ di refrigerio. L’iniziativa è di un sindaco del Pd. Che schifo!

Ecco l’articolo di Marco Gasperetti su corriere.it del23 luglio 2013:

FORTE DEI MARMI –  Chi sperava nel fatidico detto «neppure l’ombra di un venditore ambulante» si è dovuto accontentare del più realistico (e terribile) «neppure un po’ di ombra per l’ambulante extracomunitario». Già, perché uno dei pochi luoghi ombreggiati dove i «vu’ cumprà» (termine un po’ razzista ma comunque in voga almeno in Versilia) si riposavano, sotto lo storico Pontile, è stato recintato per decoro e problemi di sicurezza. Una rete metallica da qualche giorno impedisce l’accesso ai venditori. Lo ha deciso il Comune di centrosinistra e la decisione ha provocato polemiche. Il sindaco Umberto Buratti (Pd) spiega che il provvedimento si è reso necessario dopo le continue proteste. La presenza di questi ragazzi di colore, carichi di borsoni spesso con merce contraffatta e dunque illegale, è considerata da molti (soprattutto turisti) non solo un oltraggio alla legge ma anche una violazione del decoro della cittadina, perla mondana della Versilia.

Buratti parla anche di problemi di ordine pubblico rimasti inevasi nonostante le denunce dell’amministrazione. «La situazione è difficile e le forze dell’ordine con i mezzi a disposizione fanno anche troppo – spiega il sindaco – , purtroppo non ci è consentito di investire risorse in questa direzione ed io ho fatto quanto era nelle mie possibilità, ho scritto anche a Roma per chiedere la modifica della legge. Forte dei Marmi è come un hotel a cinque stelle e dunque  dobbiamo garantire servizi a cinque stelle».

Non è la prima volta che in Versilia si cerca di limitare «l’invasione dei vu’ cumprà» utilizzando reti. Nel luglio nel 2001 una rete, alta meno di un metro, di metallo verde, venne issata al «Genova», uno dei bagni più lussuosi di Viareggio. Il motivo? Tenere lontani i venditori ambulanti dai vacanzieri, indispettiti dalle continue richieste di acquisto. La rete anti-immigrati rendeva più difficile il passaggio da bagno a bagno agli ambulanti, costretti a guadagnare ogni volta il bagnasciuga in un estenuante zig zag che raddoppiava sotto il sole tragitto e fatica. Dopo polemiche e accusa il «muro» venne rimosso.  Accadrà anche così per la rete anti-ombra?

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *