Perché la Polizia Postale non chiude l’orribile sito xenofobo “Lampedusa terra di mezzo”? Che ne pensa il ministro Alfano?

martedì, ottobre 8th, 2013

C’è un sito su Facebook che si chiama “Lampedusa terra di mezzo” e che gronda xenofobia assassina. Perché la Polizia Postale non lo chiude? Non incorre nella legge Mancino?
Passi per Facebook che evidentemente è troppo occupata in altro per non vergognarsi di ospitare una simile lordura. Ma anche il Viminale e la Postale appaiono colpevolmente indifferenti.
Ecco cosa è il primo post in cui cui ci si imbatte:
Zoe Andreini
Datemi il numero dei negri morti, solo cosi’ potrò festeggiare e brindare ai loro cadaveri marcescenti.
Prino commenti di tale Gustavo Lapassera Vai a spaccargli il culo di persona zoe!dai fuori i ciglioni…

Ed ecco una immagine che viene subito dopo:

tagged under: .

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

4 Responses to Perché la Polizia Postale non chiude l’orribile sito xenofobo “Lampedusa terra di mezzo”? Che ne pensa il ministro Alfano?

  1. bisogna fare una campagna, io ho fatto una volta una denuncia alla polizia postale per le minacce che mi arrivano via Fb ma non è successo niente.
    proviamo a fare una campagna su fb . speriamo che serva…
    giuliana

  2. Cinzia says:

    Io ho provato ha fare la segnalazione del gruppo a facebook… 2 volte, mi hanno risposto subito… dicendomi che non avrebbero rimosso il gruppo… senza altra spiegazione!

    ASSURDO! facciamo una campagna pressante di segnalazioni, magari la massa critica farà più effetto…

  3. bebo storti says:

    persone da nulla
    che nulla contano
    che solo nell’odio trovano una vetrina
    la storia
    purtroppo si ricorderà dei nostri fratelli
    scomparsi in mare
    di questi razzisti no
    se interverremo subito
    ….se le autorità interverranno subito

  4. GINA TOTA says:

    MI RIVOLGO A CHI HA IL DOVERE DI TUTELARE LA NOSTRA VITA,LA NOSTRA DIGNITA’
    SMARRITA NEL CAOS DEGLI EVENTI,CHE TUTTI I TUTORI DELL’ORDINE NON SIANO SOLO SOLTANTO PRESENZE,E QUANDO NELLA RETATA CI SONO I COLPEVOLI DI FUNESTI EVENTI NON NON PICCHIATELI MA CON FERMEZZA E INTELLIGENZA,
    FERMATELI,PERCHE’ LA VIOLENZA,GENERA ALTRA VIOLENZA,NON DICO DI PERDONARLI
    MA BISOGNA STARE ATTENTI A NON CREARE DEI MARTIRI.
    ————————GINA TOTA 10-10 2013

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *