Processo Rostagno, 58° udienza. La perizia: sconcerto dell’avvocato di Vito Mazzara accusato di essere stato il killer: “Conclusioni imprevedibili…”

giovedì, novembre 21st, 2013

Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno, 58° udienza, 19 novembre 2013, Corte di Assise di Trapani, Aula Falcone. (Trascrizione di Rino Giacalone).

In aula ci si prepara…presenti solo i periti, la citazione del pentito Scavuzzo è stata revocata….

Si inizia a sentire i periti.

Corte in aula…

Verranno sentiti i periti prof.ssa Elena Carra…La dr.ssa Paola Di Simone, il dr Gaetano Roccuzzo…

Un minuto di silenzio per vittime nubifragio Sardegna.

L’avv. Vito Galluffo, difensore di Vito Mazzara accusato di aver ucciso materialmente Mauro Rostagno, chiede rinvio audizione periti .

Il Pm Del Bene chiede di sentire oggi i periti con le domande della corte.

Il presidente Pellino preannuncia che intenzione della corte è quello di procedere oggi con sentire i periti lasciando una udienza diversa per le domande delle parti….

il presidente Pellino comunica che non si trovano i reperti relativi alla perizia a suo tempo eseguita sul corpo di Mastrantonio Vincenzo ucciso pochi mesi dopo il sociologo Rostagno…

Mastrantonio tecnico Enel: successivamente fu svelato essere braccio destro di Vincenzo Virga.

Il pentito Milazzo ha spiegato che il suo omicidio fu deciso su ordine dei boss di Mazzara per il fatto che non era capace di mantenere silenzio sui segreti di mafia…

Nel corso del suo intervento l’avv. Vito Galluffo, difensore di Vito Mazzara accusato di essere il killer che ha ucciso Mauro Rostagno, dichiara di essere dinanzi a “conclusioni imprevedibili” e chiede di potere nominare ora il perito, Garofalo.

Il presidente Pellino fa notare che la difesa si era riservata di nominare perito entro data inizio operazioni e questa nomina fatta oggi è quindi in ritardo…

Il primo a dare conferma che la perizia è importante per la conclusione è il difensore di Mazzara che parla di conclusioni imprevedibili….

I periti cominciano a spiegare il loro lavoro metodo e risultato…

Conclude la parte introduttiva la dott.ssa De Simone, prosegue il dott Roccuzzo…

La dott.ssa De Simone anticipa che sono state fatte 30 campionature…

Prosegue il dott Roccuzzo sulla parte descrittiva

Conclude il dott Roccuzzo che rivela come in precedenza risulta essere stata fatto analogo esame ordinato dalla Corte …

Conclusione: “Impossibile comparazioni dattiloscopiche su sottocanna e cartucce”.

Riprende la dott.ssa De Simone…

Dott.ssa De Simone: eseguite campionature su tutte le superficie utili (esame dna)

Parola al perito Carra, per descrizione conclusioni su Dna.

Presenta tipizzazione dna di Mazzara Vito

Tre dna maschili sulla canna del fucile

La dott.ssa Carra sta illustrando le tabelle risultate dalle diverse estrazioni del dna dai periti

Identificazione dei soggetti.

Confronto dna estratti con dna Mazzara Vito: alcuni sono stati trovati coincidenti.

Udienza sospesa per 10 minuti

La Corte chiede se è possibile datare le impronte genetiche…La risposta è negativa.

La Corte chiede se è possibile contare il numero dei contributori dell’impronta….In assenza di squilibri, no.

La Corte ha esaurito le domande…

Il Pm chiede rinvio esame a prossima udienza…

L’avv Lanfranca si associa….

Altri difensori si associano e chiedono anche trascrizione udienza odierna…

L’avv Galluffo chiede 15 giorni nel rinvio.

Pellino accenna possibilità di approfondimento della perizia…

L’avv Galluffo ribadisce possibilità nomina perito di parte….

Pellino l’unico modo è quello di farsi assistere o presentare memoria

L’avv Miceli fa presente che, se è destinato a saltare programma definito e questo è dovuto ad accertamenti ulteriori che si vogliono determinare, la parte civile non è contraria

Il 27 novembre completamento esame periti..

.Successiva udienza il 4 dicembre per definire assegnazione incarico di approfondimento, contenuto in tempi ristretti

L’avv. Galluffo ricorda di avere chiesto perizia su Mazzara Vito legata ad esplosione fucile esplosione che si pensa abbia recato danno a persona che lo teneva…Io avevo chiesto questa perizia….

Il presidente Pellino ricorda che all’esito della perizia balistica che ha escluso esplosione questa perizia non fu poi decisa….L’avv Galluffo segnala che oggi si è parlato di bruciatura sulla canna…

I periti intervengono dicendo che si tratta di bruciautra provocata da acidi per precedenti esami…

L’avv Galluffo invita alla calma…

L’avv Vezzadini difensore Virga insiste per rinvio al 4 dicembre sia per periti che per conferimento nuovo incarico

La Corte chiede se nella ipotesi dell’esplosione del fucile la temperatura possa avere danneggiato tracce biologiche.

Periti dicono che è stata repertata parte esterna canna: in una zona si evince una bruciatura…solo lì non sono state trovate tracce biologiche…dna resta fino a 60 70 gradi e comunque si riassembla…

Anche in soggetti carbonizzati si tirano fuori reperti genetici, anche presso soggetti sottoposti a cremazione…

.In ogni caso bruciatura non è certa nella natura.

La Corte per il rinvio si incammina verso il 4 dicembre…Viene confermata la data

Post scriptum: nell’udienza ripetutamente si è parlato di compatibilità con il dna dell’imputato Vito Mazzara…

In un passaggio la dott.ssa Carra (lo si potrà ascoltare quando verrà postato l’audio dell’udienza) dice che nei diversi campionamenti eseguiti è stato trovato più volte il genotipo dell’imputato Mazzara…

Ripeto quello che ho scritto: l’unica dichiarazione a margine fatta dal difensore di Mazzara, avv. Vito Galluffo, è stata quella che ha parlato di “conclusioni imprevedibili”.

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *