Sono 211 i giornalisti in carcere nel mondo, la Turchia è in testa

sabato, dicembre 21st, 2013

Giornalisti: in carcere 211 e uno anche in Italia

Roma, 20 dicembre 2013. Sono 211 i giornalisti dietro le sbarre di tutto il mondo per via del loro lavoro e il dato di quest’anno, che riporta il Commitee to Protect Journalists, è il secondo peggiore di sempre. Di questi, 106 lavorano su Internet e un terzo del totale é freelance. In Italia ce n’è uno ed é Francesco Gangemi, il direttore del mensile ‘Dibattito, accusato di diffamazione e falsa testimonianza (oggi in libertà). La condanna, inizialmente di sei anni, é stata ridotta a due. Nel 2012, erano 232 i reporter in prigione.

E per la seconda volta, con 40 giornalisti in carcere, la Turchia é il Paese che ha registrato il numero più alto.

A seguire, l’Iran che mantiene il secondo posto con 35 reporter imprigionati.

Sempre sul podio, la Cina con 32, un numero che rimane costante rispetto allo scorso anno.

A chiudere la top ten ci sono Eritrea (22), Vietnam (18), Siria (12), Azerbaijan (8), Etiopia (7), Egitto (5) e Uzbekistan (4).

Il clima per l’informazione in Turchia non é dei migliori e il Cpj fa sapere che il governo sta trattenendo dozzine di giornalisti curdi con accuse di terrorismo o per aver partecipato ad attività antigovernative.

L’Italia – si legge nel report – é l’unico paese dell’Unione Europea a far parte della lista ‘nerà ed é anche uno dei pochi in cui la diffamazione resta ancora un reato penale punibile con la reclusione ma i giornalisti sono spesso costretti a pagare salate multe per non andare in prigione.

Un altro Paese con un solo recluso sono gli Usa, che nel 2012 non aveva alcun reporter imprigionato. Il blogger Roger Shuler, specializzato in scandali e corruzione nei circoli repubblicani in Alabama, é accusato di diffamazione. (AGI)

tagged under: .....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *