Vigna Iacobini, il crollo del palazzo a Roma nel ’98, con 27 morti. Le quindici famiglie superstiti alle istituzioni: “Ci state prendendo in giro”

sabato, dicembre 14th, 2013

Vigna Iacobini: erano le tre di notte del 16 dicembre del 1998 quando al Portuense, a Roma, un palazzo alto cinque piani si sbriciolò uccidendo 27 persone tra cui sei bambini.

Per quattro anni un processo, poi l’appello, poi la Cassazione che rinvia a un nuovo appello e infine il risultato: dei quattro imputati, due dei quali morti nel frattempo, e uno prosciolto via facendo, non ne era restato che uno e anche per lui ecco l’assoluzione.

Questo per il ramo giudiziario.

Poi c’è la parte istituzionale che riguarda il Comune. Alle quindici famiglie coinvolte nel crollo, titolari a tutt’oggi del terreno su cui sorgeva la palazzina che non c’è più (una buca ridotta da anni a un luogo di erbacce e piante spontanee) , il Comune non è riuscito ad offrire una soluzione “casa”. Nel senso che i quattro sindaci che si sono succeduti da allora non sono riusciti a sanare questa ferita.

I familiari, riuniti in un comitato, dicono oggi di sentirsi presi in giro.

Hanno prospettato varie soluzioni, hanno ricevuto assensi verbali, il risultato però è nulla.

Lunedì 16 dicembre, nell’anniversario del crollo, hanno convocato una conferenza stampa. Chiedono al sindaco Marino di risolvere il contenzioso.

Alle 18 poi alla Sacra Famiglia tengono una cerimonia religiosa in memoria dei loro cari. Poi andranno a pregare un po’ di fronte a quel buco pieno di erbacce.

Anche questa è Italia.

tagged under: ....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Vigna Iacobini, il crollo del palazzo a Roma nel ’98, con 27 morti. Le quindici famiglie superstiti alle istituzioni: “Ci state prendendo in giro”

  1. vincenzina says:

    si potrebbe creare una associazione per coloro che si trovano con cause che non portano a una via d’uscita. LA mia causa civile dura da 27 anni sono al punto di partenza .La giustizia non opera ma porta alla distruzione famiglie oneste impoverendoli economicamente e psicologicamente.9855 giorni di attesa snervante ecco perché gli ITALIANI sono arrabbiati abbiamo bisogno di un cambiamento di solidarietà l’attesa può portare le persone anche alla morte. Mia madre rischia di essere sepolta dalle macerie perché la sua casa è stata danneggiata da un confinante e dopo un quarto di secolo non ha ricevuto nessun risarcimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *