La Tares è tra noi. Matteo Renzi: invece di gingillarti, pensa alla Patrimoniale…

martedì, gennaio 14th, 2014

La Tares è arrivata tra noi. E nel peggior modo. Non tanto per lo stillicidio di tasse, nel senso dell’ennesima tassa. Ma perché come Tares è riuscita nel portento di richiedere non uno ma ben due pagamenti, non ovviamente due bollettini postali (troppo facile…) ma un bollettino postale e un modulo F24 da pagare in banca o alle poste. Il modulo però si nasconde in mezzo alle carte che ad esempio a Roma l’Ama ha inviato agli utenti. L’ultimo foglio dell’invio è quello classico di ogni scadenza di erogatore di servizi, nel senso che è un bollettino postale preconfezionato. L’F24 è invece dentro l’insieme di fogli e molti utenti neanche se ne accorgono, col risultato che magari non lo pagano e così facendo innescheranno uno dei più estesi contenziosi tra gestori della raccolta rifiuti, cittadini, Equitalia ecc.

La Tares arriva poi con un ritardo straordinario, basta vedere come è targata, metà dicembre. Solo che propone scadenze ravvicinatissime: il 16 gennaio (prorogato dall’Ama al 24).

Tutto ciò fa incazzare la gente. Per la farraginosità oltre che per lo stillicidio di tasse, piccole o grandi che siano. Un coktail di umori micidiali.

Consiglio a Matteo Renzi di farsi furbo, visto che questo è ciò a cui sembra tenere di più: si trastulli quanto vuole con la legge elettorale, sì, ma non dimentichi la sostanza del sistema fiscale che grazie ai diktat di Berlusconi su Monti ecc (no alla patrimoniale) ha partorito questo strascico continuo di balzelli.

Se ci deve essere un governo nuovo la patrimoniale ha da essere un paletto, il primo paletto.La maggioranza degli italiani sono d’accordo: la crisi è tutt’altro che finita, e allora per risorse dove trovarle? Chi ha di più più paghi.

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *