Rimini, i Cinquestelle invitano al dibattito un ex terrorista di destra coinvolto nell’omicidio dello studente Caravillani

domenica, gennaio 19th, 2014

Un convegno su “crisi globale e risposte locali” dei gruppi del MeetUp del Movimento 5 Stelle di Rimini sarà concluso dall’intervento di Fabrizio Zani, ex terrorista nero, Terza Posizione, Nuclei Armati Rivoluzionari, Ordine Nuovo e liberato definitivamente nel 2008. La denuncia è di Eugenio Pari segretario di Rifondazione di Rimini di cui riportiamo il comunicato. Nel frattempo molti attivisti del Movimento Cinque stelle nei forum prendono le distanze dall’iniziativa e dal personaggio invitato.

Il 1 febbraio il M5S di Rimini promuoverà un convegno intitolato “crisi globale e risposte locali”. A concludere l’incontro sarà Fabrizio Zani. Per chi non lo sapesse Fabrizio Zani e’ un ex terrorista di estrema destra tra i fondatori nel 1974 dei “Gruppi per l’ordine nero”, Terza posizione e Nuclei Armati Rivoluzionari. Nel 1974 viene condannato per attentati dinamitardi compiuti da Ordine nuovo. Arrestato ancora nell’aprile del 1983, viene condannato all’ergastolo per l’omicidio di Mauro Mennucci (l’informatore di polizia responsabile della cattura di in altro esponente di spicco del’estrema destra armata, Mario Tuti) e per concorso nella morte di Alessandro Caravillani, uno studente romano trovatosi coinvolto in uno scontro a fuoco fra NAR e polizia durante una rapina in banca (nella foto la vittima). Liberato definitivamente nel 2008, Zani non ha mai compiuto alcun atto di dissociazione.

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Rimini, i Cinquestelle invitano al dibattito un ex terrorista di destra coinvolto nell’omicidio dello studente Caravillani

  1. Matteo Luca Andriola says:

    Fermo restando che la dissociazione di Zani è evidente da alcune cose, come ad esempio il suo percorso che lo ha portato ad allontananrsi dal neofascismo: non è dissociazione questa? Dissociarsi ideologicamente dalla propria area d’appartenenza per me basta e avanza. «È successo che un giorno, quando stavo in carcere, racconta da dietro le lenti rotonde dei suoi occhiali, mi sono guardato allo specchio e ho capito quanto ero stato stupido e quanto male avevo causato». Una «stupidità», come la chiama oggi questo ex «aspirante rivoluzionario» tosco-emiliano, sorta quando gli anni Sessanta stavano per tramontare». “Corriere della Sera”, 10 aprile 2013.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *