Sakine, Fidan, Leyla: tre donne curde uccise un anno fa a Parigi, nessun colpevole

lunedì, gennaio 13th, 2014

Ricevo da corriere immigrazione e pubblico:

Tre vittime, nessun colpevole

13 gennaio 2014

Il 9 gennaio del 2013, tre dirigenti kurde che vivevano a Parigi furono assassinate da ignoti. Si chiamavano Sakine, Fidan e Leylaed erano fra le più attive  per una soluzione politica del confronto che vede le forze progressiste kurde della Turchia, vicine al PKK (Il partito dei lavoratori kurdi), in forte contrasto con il governo centrale. Nel giorno esatto dell’anniversario, numerose mobilitazioni, presidi, iniziative pubbliche si sono svolte in diverse città europee. A Roma, una folta rappresentanza di rifugiati e di attivisti italiani si è radunata in mattinata davanti all’ambasciata  di Francia, con cartelli e striscioni. È stato consegnato ad un funzionario dell’ambasciata un dossier su questa strage e sono state ribadite le esigenze  di verità e giustizia che i kurdi chiedono per queste loro vittime. «Il vostro silenzio vi rende complici» È stato più volte ribadito  all’indirizzo delle autorità transalpine. Due giorni dopo, l 11 gennaio, una manifestazione si è tenuta a Parigi ed una in Turchia. Tante le bandiere kurde, tante quelle con il ritratto di Abdullah Öcalan, capo storico del PKK, centinaia di persone ancora a chiedere la verità a Istanbul. Sulla morte delle tre militanti, tra cui una delle fondatrici del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, uccise con colpi d’arma da fuoco alla testa, non è ancora stata fatta chiarezza. Scontri si sono verificati con la polizia turca che ha respinto la richiesta dei manifestanti di raggiungere il consolato francese, all’estremità del frequentatissimo Viale dell’Indipendenza. Gli agenti hanno usato lacrimogeni e idranti. Partecipata anche la manifestazione che si è svolta a Parigi, davanti al centro informazioni del Kurdistan. Per questo triplice omicidio sono state tracciate varie ipotesi. Si è tentato di depistare l’inchiesta parlando di regolamento di conti all’interno del movimento curdo ma sembra sempre  più probabile dover indagare verso gli ostacoli, più o meno  istituzionali che il governo di Ankara frappone per l’’apertura dei colloqui di pace tra il PKK e Ankara. Per i kurdi e per molti osservatori indipendenti  internazionali si tratta di un vero  e proprio assassinio politico con cui si è voluto privare  il movimento di 3 importanti dirigenti. Dopo l’arresto di un uomo, otto giorni dopo l’omicidio, non si è ancora conclusa l’indagine  preliminare e questo anche grazie  ai tanti ostacoli posti  da un Paese che mostra evidenti  limiti democratici. Non da allora  i tanti rifugiati di tale origine, provenienti dalla Turchia si sentono in ostaggio di due forme  di controllo e di repressione. Da una parte le autorità statuali dei paesi ospitanti, che considerano ancora il PKK come una organizzazione terroristica da black list , dall’altra quella degli emissari turchi, che poco gradiscono la presenza in Europa di chi mette in dubbio la credibilità del regime  di Erdogan

tagged under: ....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *