Disastri: il Pd (in regione e al governo) non regali più l’Italia ai “palazzinari” amici e li metta a lavorare nel modo giusto: niente cemento sul territorio, riqualificare le città

lunedì, novembre 17th, 2014

Basta cemento sul territorio. I costruttori siano impiegati nel recupero deghi immobili esistenti, nella riqualificazione delle città.

E’ così semplice. Il rimpallo di responsabilità tra regioni e governo è penoso: è un rimpallo quasi tutto interno al Pd (e dintorni) dove da sempre impera il via libera ai “palazzinari” considerati i grandi produttori di pil e alleati indispensabili (anche attraverso i media da loro controllati in toto o in parte).

Sono i “palazzinari” a dettar legge da sempre e a garantire con le loro voraci colate di cemento che il territorio sia sempre più abusato.

E chi è andato a braccetto con i palazzinari? Il centro destra, certo. Ma anche il centro sinistra e dentro il centrosinistra certamente il Pd.

Ricordo pocxo tempo fa  la festa di compleanno del guru romano del PD, Goffredo Bettini: chi c’era a San Lorenzo alla sua corte? I “palazzinari “ romani erano in prima fila.

E dunque.

Basta col balletto indecente di responsabilità e la questua in Europa per farsi regalare altri miliardi di euro che non si sa bene che fine dovrebbero fare (duemila progetti, sì, ma quali?).

Riqualificate le città e il territorio, riqualificate l’esistente, basta con gli assalti a colpi di cemento. E basta anche con questa manfrina dei tempi e delle procedure faticose e lunghe. Quando in Italia si è voluto fare in quattro e quattr’otto si sono trovate subito le leggi necessarie e sono stati investiti i mezzi: un esempio solo, in quella Genova, torturata dal maltempo dove il Bisogno continua a fare paura e i lavori necessari per domarlo non sono mai partiti. L’esempio è quello stadio di Marassi che per i mondiali del ’90 fu fatto e inaugurato in soli 24 mesi…

tagged under: .......

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *