Je ne m’appelle pas volenskì….

mercoledì, gennaio 7th, 2015

“Je ne m’appelle pas volenskì…”. Mon mi chiamo volenski, diceva Wolinski. Che ci teneva alla pronuncia corretta del suo vecchio cognome polacco avuto per via paterna. Da aggiungere a Georges. Poi c’era anche la madre che era un’ebrea franco-tunisina.

Poi c’erano le sue donne, insistentemente poppute. Paulette in primo luogo e ringraziamo Oreste Del Buono per avercela fatta conoscere quando il ’68 era già passato. L’elbano che non dormiva mai amava molto le sconcezze di questa donna aristocratica comunista che ne combinava di tutti i colori. Wolinski ne era lo “scenariste”, Pichard il disegnatore. Ma Paulette era davvero sua, svampita e al centro sempre della caciara…

A portarlo in Italia un altro bel tipo, Topor.

Prima però c’era stato il Wolinski de L’Enragé, l’arrabbiato, che aveva raccontato il ’68 e il maggio con gli amici Siné e Reiser.

E questo era Wolinski (pubblicato su Male e su Cuore, sì ma prima ancora su Lotta continua che ne tradusse alcune vignette…).

Naturalmente a conoscerlo risultava perfino un po’timido, un po’ come Altan. Con noncuranza si scrollava di dosso le accuse di sessismo e di maschilismo.

Mi piace ricordarlo così

Disegno molto diveretente per le vacanze

Lei ha perduto qualcosa?

Gli  occhiali

tagged under: ....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *