Kobane è un ammasso di macerie e la Turchia “carica” i civili curdi che volevano tornarci

giovedì, gennaio 29th, 2015

Intanto la frontiera turca rimane chiusa davanti a Kobane. Le forze di sicurezza turche hanno sparato lacrimogeni e usato cannoni ad acqua per allontanare alcune migliaia di curdi turchi e siriani che cercavano di passare il confine per raggiungere Kobane e partecipare ai festeggiamenti per la liberazione della città. La Turchia ha aperto la settimana scorsa lungo il confine un campo profughi in grado di ospitare 35mila persone a Suruc, a poca distanza da Kobane e dal valico di frontiera di Mursitpinar. Il dispositivo di sicurezza turco attorno al valico è stato rinforzato(Epa).

E Kobane? E’ un ammasso di rovine tra cui si aggirano i curdi che l’hanno riconquistata, come le due ragazze nella foto

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *