Repulisti renziano a Raitre? Il foschissimo quadro tracciato da Lettera 43

venerdì, marzo 4th, 2016

Che cosa sta per succedere a Raitre? E’ vero quello che scrive Lettara 43 e cioè di un vero e proprio piano di sterminio che la neodirettrice Daria Bignardi starebbe covando (per conto di Matteo Renzi?).

Secondo Lettera 43 in salvo sono solo “Chi l’ha visto?” e “Che tempo che fa” di Fazio, con l’appendice di “Gazebo” di Zoro.

Tutto il resto è a vari livelli in via di eliminazione. A partire da “Ballarò” con Giannini. Ma a rischio sono anche “Presadiretta” di Icona e “Report” della Gabanelli.

E’ così?

Qui di seguito l’articolo di Lettera 43:

http://www.lettera43.it/esclusive/rai-tre-daria-bignardi-si-prepara-ad-azzerare-la-rete_43675236844.htm

:

Raitre, Bignardi si prepara ad azzerare la rete

La Bignardi è pronta a rottamare la programmazione. Gli unici punti fermi sono Che tempo che fa e Chi l’ha visto?Ballarò chiuderà. E ora rischia anche Report.

di Renato Stanco|

04 Marzo 2016

Sino ad ora si è mossa con passi felpati e stile sobrio.
Rare apparizioni nei corridoi di viale Mazzini, qualche riunione privata con l’amministratore delegato Antonio Campo Dall’Orto e molte telefonate con i vice direttori per controllare e valutare gli ascolti.
A partire da quelli di Massimo Giannini, conduttore traballante di Ballarò, destinato a fine stagione a restare a casa.
BALLARÒ VERSO LA CHIUSURA. La neo direttora di Rai Tre Daria Bignardi almeno un punto fermo lo ha ben chiaro: quel programma s’ha da chiudere.
Lo vuole il premier, Matteo Renzi, e lo ha fatto chiaramente capire il commissario politico dell’informazione, Carlo Verdelli.
E non è detto che al suo posto venga piazzato un altro programma di approfondimento. Il martedì sera, in fondo, può andare in onda un’altra cosa. Affidandola, magari, a Gianni Riotta, il primo in lista d’attesa fra coloro che aspettano di tornare in Rai, o al rassicurante conduttore di Agorà, talk del mattino che compete con La7, Gerardo Greco.
SOLO DUE PUNTI FERMI. Mettendo da parte il caso Giannini, più politico che televisivo, il piano di lavoro che la Bignardi intenderebbe seguire, e che potrebbe illustrare in occasione del suo primo vero giorno di scuola dato che Campo Dall’Orto ha convocato il comitato editoriale (del quale fanno parte i direttori di rete e tutti i manager che si occupano di prodotto), è semplice e complicato al tempo stesso.
In pratica, l’ex conduttrice delle Invasioni barbariche, il programma de La7 chiuso per mancanza di ascolti, avrebbe deciso di ribaltare la prospettiva, come spiegano in Rai, partendo da un dato: a oggi Rai Tre sta in piedi grazie aChi l’ha visto?, il programma cult del mercoledì sera condotto da Federica Sciarelli, e Che tempo che fa di Fabio Fazio, diventato il vero direttore ombra della rete.
Al di là di questi due programmi c’è il deserto dei tartari, sarebbe il ragionamento fatto dalla Bignardi ai suoi collaboratori.

Il piano della Bignardi crea tensioni all’interno della rete

Certo, c’è anche il caso Gazebo, il programma comico satirico di Diego Bianchi, che convince ma non vince, ma per quello ci sarà comunque una corsia preferenziale.
Il conduttore piace alla Bignardi e liscia la pancia al pubblico radical chic che frequenta Rai Tre.
Un po’ come succede con Lucia Annunziata e le interviste della domenica. Tollerate ma non sempre gradite.
Tutto il resto, invece, è da buttare. Ovviamente conduttori e giornalisti finiti nella lista dei rottamandi non l’avrebbero presa bene e avrebbero già iniziato a drizzare le orecchie per capire da che parte tira il vento.
PRESA DIRETTA E REPORT A RISCHIO. Due, in particolare, i prodotti che potrebbero creare tensioni e frizioni. Da una parte Presa diretta di Riccardo Iacona, difficile da gestire e ancor più complicato da controllare. Dall’altraReport, il contenitore d’inchieste di Milena Gabanelli, vera spina nel fianco del governo e della Casta politica, che potrebbe finire relegato in una fascia oraria di secondo piano.
Se Rai Tre deve diventare la rete che rassicura e fa sorridere, i pugni nello stomaco dati da questi due format rischiano di essere davvero fuori linea.
Meglio puntare su comici e satira controllata invece che sulle inchieste e sui racconti in presa diretta con la cronaca.
Il quadro tratteggiato dalla Bignardi, anche se a grandi linee, ha già creato tensioni e malumori all’interno della rete, dato che il lavoro per la stesura del prossimo palinsesto inizia ora.
FAZIO NE ESCE RAFFORZATO. Chi può si è già rivolto ai propri referenti politici per capire come muoversi e quanto ci sia realmente da preoccuparsi.
Altri, invece, hanno iniziato a tartassare la segreteria della Bignardi per poterla incontrare al più presto.
Ovviamente, nel vortice delle consultazioni il mediatore più gettonato è Fazio, anche se il conduttore di Che tempo che fa ha pensato bene di isolarsi dal resto del mondo con la scusa di essere fortemente impegnato nella realizzazione diRischiatutto, dove lui non rischia assolutamente nulla.
Anzi, con questo remake si prende definitivamente la rete, lasciando il resto dello spazio nelle mani della Bignardi.

 

 

 

tagged under: .........

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *