Il muro del Brennero. Ora l’Austria corregga anche i cartelli. Invece di “Wilkommen” metta “Raus”. Sì, come dicevano i nazisti…

martedì, aprile 12th, 2016

Al Brennero il muro ancora non c’è ma la canalina delle acque di sclo, sul piazzale, la stanno già coprendo. Così ci ha fatto vedere oggi su Sky Tg24 Nicola Veschi.

L’assessore del comune di confine è preoccupato per gli affari dei commercianti. Dice che se gli automobilisti sono in colonna nessuno scende più a fare acquisti nei negozi del passo. Col muro la colonna sarà garantita. Speck e canederli ammuffiranno…

La stranezza resta quel cartello che ancora è lì annunciando “Benvenuto Wilkommen Welcome”. Suvvia, mettetene uno con scritto il più efficace “Raus”…

Meglio un muro, si dirà. delle trincee della Prima Guerra Mondiale. Meglio un po’ di cemento di tutto quel gas fosgene che in una sola mattina fece 6000 morti (alpini) sul Monte San Michele. E poi forse più che un muro sarà una strettoia, affiancata da un gabbiotto, giusto prer guardare in faccia chi passa…

Però che schifo questo panorama che si va configurando. Nessuno più balla sulle macerie del muro di Berlino…

E così quatti quatti scopriamo che in Europa hanno già allestito oltre 400 km di muri. Quali? Uno di 33 km tra Turchia e La strtanezza è un cartello che in tre lingue annuncia ancira: “Benbenuto Wilkommen Welcomew”. Bulgaria, un altro di 175 tra Serbia e Ungheria, uno più antico di 180 che divide Cipro in due, poi ai margini della Spagna in quella che è la Spagna d’Africa 11 km a Melilla e  8,4 a Ceuta. Totale 407,4 aq cui si aggiungono ora i metri del Brennero

tagged under: ....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *