Gli abitanti di Cesano in Procura con un esposto firmato da 4.400 residenti contro Radio Vaticana

giovedì, novembre 24th, 2011

La guerra di Cesano contro Radio Vaticana,
4.400 firme depositate in Procura: «Salvateci»

Il comitato Bambini senza onde rilancia la battaglia contro l’emittente: mai attuati i provvedimenti promessi a tutela della popolazione che già piange 3 morti per leucemia

Presentate questa mattina in Procura della Repubblica dai residenti di Cesano  4.400 firme raccolte per chiedere un intervento urgente contro la Radio Vaticana che nonostante le assicurazioni di qualche mese fa – spiegano i rappresentanti del comitato “Bambini senza onde” – non ha ancora provveduto a modificare la situazione del fortissimo impatto dei onde elettromagnetiche sui paesi circostanti l’impianto di Santa Maria di Galeria. La battaglia che dura da dieci anni si è arricchita questa mattina di un nuovo capitolo: oltre quattromila firme raccolte nel corso dell’ultimo mese tra Cesano (15 mila abitanti) e il resto dell’hinterland interessato (50 mila abitanti).  Le firme sono state consegnate all’Ufficio primi atti della Procura della repubblica di Roma da una delegazione guidata da Augusto Rossi.

Un nuovo richiamo alla magistratura, dunque, dopo la consegna avvenuta ai primi di giugno delle cartelle cliniche di nuovi ammalati di tumori registrati nella zona. Martedì 7 giugno, il comitato «Bambini senza onde» aveva infatti  consegnato al magistrato le cartelle cliniche di 9 pazienti colpiti da leucemia, linfoma e mieloma dal 2006 ad oggi, tutti residenti nelle zone di Cesano, Anguillara, La Storta e Formello. Per altri 11 casi l’associazione aveva annunciato di dover completare invece la raccolta della documentazione medica, fatto poi avvenuto in settembre. «Bambini senza onde» ha iniziato a raccogliere nuovi dati dopo la perizia epidemiologica disposta dal gip Zaira Secchi per verificare il possibile ruolo delle onde elettromagnetiche nella morte di 19 bambini tra la fine degli anni ’80 e il 2003

Nella zona  – spiegano i rappresentanti di “Bambini senza onde” – sarebbero stati identificati altri 23 casi di leucemia riconducibili all’elettrosmog. I cittadini di Roma Nord accusano ancora una volta le antenne e i radar e chiedono alla Procura di insistere nelle indagini per il procedimento in corso con l’ipotesi di omicidio colposo. Ultima vittima dell’inquinamento, ricordano, è una signora di 48 anni, sconfitta dal cancro a gennaio scorso. I suoi familiari non hanno ancora deciso se affidarsi all’autorità giudiziaria, al contrario dei genitori di altre due vittime, un bimbo malato di 6 anni a Santa Maria di Galeria e un ragazzo di 26 anni ad Anguillara, deceduto due anni fa. Sono le ultime due denunce finite sul tavolo del pm Stefano Pesci.

“Abbiamo raccolto firme e adesioni sotto un atto che chiede alla magistratura di procedere per impedire ulteriori danni alla popolazione – spiega Augusto Rossi di “Bambini senza onde” -. Chiediamo che in qualche modo venga a cessare lo stato di pericolo e di rischio derivante dall’esposizione continuativa dei residenti intorno all’impianto del Vaticano. Tutto qua”. L’associazione intanto parteciperà il prossimo 8 dicembre a un incontro a Bruxelles promosso dal Parlamento Europeo. “Siamo stati invitati all’incontro sull’Europa e i Municipi”, spiegano.

Paolo Brogi

 Corriere.it 24.11.2011

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *