Manolis Glezos

lunedì, febbraio 13th, 2012

L’uomo che viene bloccato da un poliziotto greco si chiama Manolis Glezos. Ha 90 anni, ieri manifestava ad Atene contro l’umiliazione inflitta dall’Europa al suo paese. Il poliziotto che lo afferra per il petto non sa neanche chi sia.

Non sa che Glezos mostrò nel ’41 a tutta l’Europa che cosa si poteva fare contro il nazismo. E’ lui il giovane partigiano, appena diciannovenne, che osò arrampicarsi sull’Acropoli di Atene e togliere la bandiera nazista con la svastica. Un  gesto che fui conosciuto allora in tutto il continente e che mostrò che si poteva combattere il mostro nazifascista.

Nel 1939, quand’era ancora studente delle superiori, Glezos partecipò alla creazione di un gruppo giovanile antifascista, contro l’occupazione italiana del Dodecaneso e la dittatura di Ioannis Metaxas.

Al momento in cui l’Italia invase la Grecia (28 ottobre 1940), Glezos chiese di andare al fronte in Albania contro l’invasore, ma la domanda fu respinta perché troppo giovane. Lavorò dunque come volontario per il Ministero dell’Economia. Durante la successiva occupazione nazista lavorò per la Croce Rossa greca e il comune di Atene; contemporaneamente si impegnò attivamente nella Resistenza.

Il 30 maggio del 1941, insieme al suo amico e compagno Apostolos Santas, si arrampicò sull’Acropoli e ne strappò via la bandiera con la svastica, che vi sventolava dal 27 aprile 1941, quando le truppe tedesche erano entrate ad Atene. Alla bandiera nazista sostituì quella nazionale greca. Fu il primo clamoroso atto della resistenza in Grecia, uno dei primi in Europa. Ispirò molti, e non solo greci, a resistere all’occupazione nazista e fascista.

I due autori vennero attivamente ricercati e furono condannati a morte in contumacia. Glezos fu catturato dalle forze di occupazione tedesche il 24 marzo 1942 e fu pesantemente torturato. In seguito a questo trattamento, si ammalò gravemente di tubercolosi. Rilasciato per le sue condizioni di salute, fu nuovamente arrestato il 21 aprile 1943, stavolta dalle forze di occupazione italiane, e tenuto tre mesi in prigione, fino a che fu liberato in conseguenza della caduta del fascismo nel luglio del 1943.

Il 7 febbraio 1944 fu arrestato di nuovo, stavolta dai collaborazionisti greci dei nazisti. Passò nuovamente sette mesi e mezzo in prigione, finché riuscì ad evadere il 21 settembre dello stesso anno.

(Glezos ieri ad Atene, sotto la bandiera tedesca sull’Acropoli)

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *