Quei 314 deputati che votarono che Ruby per lo Stato italiano la notte del 27 maggio 2010 era Mubarak

venerdì, dicembre 21st, 2012

Giorgia Meloni e Ignazio La Russa, oggi dissidenti, non trovarono neanche il posto dove sedersi e votarono in piedi. Il 5 aprile 2011 232 deputati del Pdl – sui banchi del governo c’erano tutti, meno Berlusconi, tutti cioè i Frattini, le Brambilla ecc – votarono compatti col voto elettronico che Ruby la notte del 27 maggio 2010 era per lo Stato italiano la nipote di Mubarak e che le sette telefonate di Berlusconi in Questura a Milano per farla rilasciare erano telefonate di premier, telefonate di Stato.

Con i deputati del Pdl votarono questo orrore i 59 della Lega, i 21 dei Responsabili, più Nucara, Mannino e Misiti. Barbareschi si astenne, poi disse che c’era stato un errore…

Questo è successo nel Parlamento italiano. I 314 hanno conseguentemente chiesto alla Corte Costituzionale, a nome del Parlamento italiano, di stabilire che quelle telefonate, nella improbabile ipotesi che siano reato, siano giudicate dal Tribunale dei Ministri e non dal Tribunale di Milano. Insomma che il processo Ruby venga spostato ad altra sede e ad altra indefinita data. La Camera a maggioranza chiede, domanda alla Corte Costituzionale.

A votare contro questo orrore sono stati 302 deputati.

Questo è un pro-memoria per la prossima scadenza elettorale. Agli elettori del centro destra e dintorni non sfugga questo exploit dei loro solertissimi vassalli del signor Berlusconi.

tagged under: .........

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

6 Responses to Quei 314 deputati che votarono che Ruby per lo Stato italiano la notte del 27 maggio 2010 era Mubarak

  1. gian paolo onnis says:

    Bene i nomi li ABBIAMO,cosa aspettiamo a denunciarli al mondo intero?
    Chiedere una condanna per falso,e buttarli fuori dal nostro paese ITALIANO.
    Per falso abuso del mandato rappresentativo parlamentare dello stato,ABUSO della CREDIBILITÀ POPOLARE. Falso e calunnia di stato,reato contro la MORALE DI STATO,REATO CONTRO il LECITO E IL BUON COSTUME.

    • francesco.pisicoli.7@facebook.com says:

      Io li denuncerei alla Magistratura per associazione a delinquere. Se non hanno le prove provate che Ruby era la nipote di Mubarak ed hanno avallato solo per difendere il loro “capo”, oltre ad essere una falsa testimonianza da parte di Parlamentari, è associazione a delinquere considerato che si trattava di nascondere un reato come dichiarato in primo grado l’altro giorno. Sarebbe ora che il popolo italiano dimostrasse di essere un popolo sovrano altrimenti rimanga a fare il suddito.

  2. Julius OF says:

    Devono andare tutti a casa o meglio in galera, perché non lo vogliamo capire?

  3. dino says:

    Scandalosi e nauseabondi. Questa politica fa schifo.

  4. Pingback: Dalla parte di Miley Cyrus, non di Playboy – Marco Gallicani

  5. Pingback: Dalla parte di Miley, non di Playboy – Marco Gallicani

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *