Real Democracy, secondo Nena News proposto un singolare voto di scambio israelo-palestinese

lunedì, gennaio 14th, 2013

La notizia la dà Nena News, agenzia da anni impegnata a favore dei palestinesi. Sulla stampa israeliana, che ho appena consultato, non c’è alcun riferimento a Real Democracy di cui parla Nena News. Dunque, la proposta elettorale di voto di scambio tra israeliani e palestinesi non è confermabile. Però vale la pena di riferirne, per quel che vale. Ecco l’articolo di Nena News:
Elezioni israeliane, nasce il movimento “Real Democracy”: cittadini di Israele votano il partito indicato da palestinesi di Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme

di

Rossana

Zena
Betlemme, 11 gennaio 2013, Nena News – A poche settimane dalle elezioni politiche israeliane, il prossimo 22 gennaio, si fa largo sul web un movimento creato da un gruppo di palestinesi, israeliani ed internazionali che invita i cittadini israeliani alla “ribellione elettorale”.

L’idea che sta alla base di questa azione è semplice: i cittadini israeliani rinunciano al loro voto alle prossime elezioni a favore di un qualsiasi palestinese che vive in Cisgiordania, a Gaza o a Gerusalemme Est – sotto l’occupazione israeliana – e quindi non ha diritto al voto. Il manifesto del gruppo afferma: “Tutti gli uomini nascono uguali, questo si suppone sia un valore universale. Eppure, l’attuale legge israeliana ed internazionale non tratta i cittadini palestinesi e quelli israeliani allo stesso modo. Senza un sistema ‘una persona un voto’ Israele non può essere considerato uno Stato democratico.Assoggettare i palestinesi ad uno Stato in cui non sono cittadini a pieno titolo va contro i principi fondamentali della democrazia”.

Il movimento, nella pagina Facebook Real Democracy spiega il motivo per cui i fondatori non considerano Israele come una vera democrazia, argomentando che il governo israeliano regola e controlla la vita di milioni di palestinesi che vivono sotto l’occupazione e l’assedio, ma non hanno il diritto di eleggerlo. “È il governo israeliano a definire quali palestinesi possono entrare ed uscire dal Paese, a decidere quando e come l’esercito israeliano deve invadere, attaccare e controllare le città palestinesi, ed è sempre il governo israeliano che stabilisce quali partiti o opinioni politiche sono illegali e sotto quali condizioni le tasse dei palestinesi vengono raccolte e distribuite”. Vale a dire che i palestinesi sono effettivamente governati ma senza il loro consenso e non hanno voce in capitolo nelle decisioni che li riguardano.

Nella pagina Facebook del gruppo vengono indicate le modalità attraverso le quali i cittadini israeliani possono cedere il proprio voto, pubblicando sulla bacheca della pagina una nota. Ad esempio: “Il mio nome è Shalom Shalom, ho 24 anni e vivo a Gerusalemme. In queste elezioni, io do il mio voto ad un cittadino della Palestina”. Da parte loro, i cittadini palestinesi possono rispondere alla nota con un messaggio diretto: “Il mio nome è Salam Salam, ho 24 anni e vivo a Gaza, userò il tuo voto”. In seguito, i due verranno invitati a scambiarsi l’amicizia ed in privato inizieranno una conversazione in cui il palestinese indicherà all’israeliano chi votare alle elezioni. Nena News

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *