Mireille Demuro Hatchadourian, quando ricordava sua nonna Nazeli…

martedì, febbraio 5th, 2013

E’ morta a Parigi Mireille Demuro Hatchadourian, aveva solo 50 anni, è stata portata al Père Lachaise. Ne dà notizia stasera Antonio, che invita a leggere uno scritto di Mireille sulla sua storia di donna armena. Scrive Antonio:

Il giornale Nouvelles d’Arménie Magazine ha pubblicato sur la sua edizione on line di stamattina un omaggio a Mireille ed ha riprodotto il suo testo letto da Licia venerdì scorso durante l’ultimo saluto che famiglia e amici le hanno reso al cimitero del Père Lachaise.

Ecco il link:

http://www.armenews.com/article.php3?id_article=86707

Coloro che erano presenti e che non hanno potuto riceverne un esemplare da conservare come ricordo potranno dunque rileggerlo e conservarlo e quanti invece non hanno potuto essere presenti avranno la possibilità di scoprirlo e, ancore una volta, apprezzare tutta la forza e il calore che il suo umanesimo radicale sapeva comunicarci.

Mireille stava molto male. Nel suo passato l’Armenia, con quell’enorme pogrom in cui era finita anche sua nonna Nazeli. Lo ricorda in questo scritto in cui si intrecciano gli stadi di una vita. L’avevo incontrata con Antonio quasi sfuggevolmente – il tempo di un lunch nei vicoli di Genova – non molto tempo fa, con Maria Grazia e Iose. Il tempo di parlare un po’ del loro ultimo viaggio nella lontanissima Tambora , in Indonesia, e di alcune disavventure nelle Filippine. Niente sembrava annunciare questo orribile conclusione, dopo anni di lavoro e di impegno nella grafica, con alle spalle un forte impegno nella causa armena  Un abbraccio ad Antonio

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

2 Responses to Mireille Demuro Hatchadourian, quando ricordava sua nonna Nazeli…

  1. Demuro Antonio says:

    Grazie Paolo.

  2. iose varlese says:

    esasperante l’ attesa tra un piatto e l’altro , ma è grazie a quel tempo dilatato che ricordo la sua grande dolcezza.
    ciao Mirelle
    Iose

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *