Il trapianto di una gamba di un nero su un uomo bianco: ecco il miracolo dei Ss. Cosma e Damiano, precursori dei Médecins sans frontières e della massima integrazione razziale

venerdì, maggio 10th, 2013

I santi Cosma e Damiano prima di essere decapitrati sotto l’imperatore Diocleziano (Cirro, Siria, 303 d.C.) si distinsero come medici capaci di produrre alcuni straordinari miracoli.

Uno raffigurato in molti luoghi di culto li mostra mentre impiantano a un uomo senza metà gamba – era un sacrestano, a quanto pare – una nuova mezza gamba. Insomma un trapianto. La novità è che la gamba trapiantata al sacrestano, un bianco, è nera.

La vicenda è spiegata così: c’era bisogno di trovare un arto, i due santi fratelli decisero di andarlo a cercare in un cimitero dove stava per essere sepolto un etiope. Da quel cadavere fu dunque prelevata la mezza gamba nera da destinare al loreo assistito.

Insomma, ecco come nasce un miracolo, modello Ganesh indù.

Cosma e Damiano peraltro erano di fatto romani-siriani.E come medici, peraltro non pagati, assomiglkiano assai ai moderni Médecins sans frontières.

Il loro è il primo trapianto documentato all’insegna di un sonoro disconoscimento di ogni possibile problema razziale. Anzi…

tagged under: .

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *