Qual è il paese con più italiani nel mondo? L’Argentina. E Napolitano, sconsigliato a suo tempo da Monti, non ci è mai andato

sabato, novembre 9th, 2013

Mappa dei viaggi all’estero del Presidente della Repubblica. In basso a sinistra il grande problema: mai stato in Argentina. Che dire? Doveva andarci, poi (Monti dissuadente) dette forfait (mi pare motivi di salute) salvo essere di nuovo in pista quindici giorni dopo per un’altra visita. A Buenos Aires non hanno minimamente gradito.

P.S.: la mappa, tratta da Wikipedia alla voce Giorgio Napolitano, contiene però alcuni errori, quello maggiore è relativo al Brasile dove Napolitano non è mai andato. Manca poi invece Israele dove è andato.

tagged under: .

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Qual è il paese con più italiani nel mondo? L’Argentina. E Napolitano, sconsigliato a suo tempo da Monti, non ci è mai andato

  1. Fabio Porta says:

    Caro Paolo,
    pertinente e interessante la tua osservazione (anche se sul motivo della “cancellazione” della visita già prevista in Argentina ci sono stati problemi che vanno al d là dello stato di salute del Presidente…).
    Una cosa mi ha colpito invece guardando l’interessante ‘mappa’ dei viaggi di Napolitano: non è vero che lui sia stato in Brasile ! Ti giuro che… me ne sarei accorto ! E’ stato invece in Cile, unico Paese ‘toccato’ nel continente.
    Dopo Scalfaro e Ciampi (ma posso anche ricordare la storica visita di Gronchi tanti anni fa…), Napolitano è stato l’unico degli ultimi Presidenti a non andare nel Paese dove vive la più grande comunità di italo-discendenti al mondo. E’ indubbiamente l’Argentina il Paese con più italiani (lo dice l’anagrafe dei cittadini e anche quella degli elettori), mentre il Brasile è quello con il più altro numero di ‘oriundi’, che superano senza dubbio i 35 milioni di unità…
    Ossia: due gravi dimenticanze; purtroppo, spezzando una piccola lancia per il nostro anziano Presidente, entrambi i viaggi erano stati previsti e poi cancellati strada facendo per un paio di seri problemi diplomatici relativi prima al Brasile e poi all’Argentina. Penso che possa immaginare a cosa mi riferisco.
    La mia opinione personale, espressa in più di una occasione, è però quella che nel caso di Paesi come Argentina-Brasile-Uruguay e Venezuela (dove vivono enormi collettività italiane e di origine italiane), nessun piccolo o grande incidente o problema di carattere diplomatico possano e debbano disturbare o impedire una forte presenza istituzionale del nostro Paese, a partire dalla visita del suo Presidente.
    Un caro saluto,
    Fabio Porta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *