La fine dei libri

lunedì, febbraio 2nd, 2015

Centinaia di libri gettati come fossero spazzatura, abbandonati nei cassonetti a due passi dal mega store Feltrinelli nel centro di Bari. Il proprietario di un appartamento nelle vicinanze muore, e qualcuno pensa di sbarazzarsi così dell’ingrombante patrimonio. La cultura nel cassonetto. Dura poco però, perché centinaia di persone si sono gettate, loro, alla ricerca di un libro da portare a casa. La foto è stato postato su Fb dai dipendenti della Feltrinelli che assistevano alla scena.

Questa la didascalia.

Riflessione serale: può succedere dunque a chi ha libri in casa, maledetti, polverosi, ingombranti quanto insostituibili….può succedere che finiscano poi in un maleodorante cassonetto.

A piazza San Cosimato, a Trastevere dove vivo, nel mercato c’è un banchetto di libri “usati”. Il vecchio titolare (ma forse era più giovane di me…) , un friulano portato via da un improvviso infarto e sostituito poi nonsobene da chi, ogni tanto rastrellava librerie significative. Ricordo di aver visto comparire una mattina come d’incanto una ventina di libri di Alberto Savinio, edizioni anche rare, insieme a molti altri libri di qualità. Ricordo anche di aver interrogato a lungo il bancarellaro sull’origine di quella “partita”, ma il libraio con un sorrisetto ineffabile si era tenuto ben stretto il sui segreto commerciale. Un paio di quei Savinio li ho portati a casa io, ma chissà di chi erano….

Ps: un rimedio ci sarebbe, gli ex libris. Ma francamente è meglio lasciare i libri anonimi, tutt’al più con le sottolineature o qualche altro simboletto di lettura giusto per segnalare che da lì è passato già qualche altro…

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *