Argentina: la casa del “desaparecido” Walsh accaparrata da uno dei suoi carnefici

giovedì, marzo 30th, 2017

Mostruosità argentine. La casa del “desaparecido” Rodolfo Walsh in mano ai suoi sequestratori. La denuncia è della figlia della vittima, Patricia, che in una conferenza stampa organizzata dal sindacato giornalisti Siprebo  ha protestato pubblicamente per l’uso della “vivienda” da parte di uno dei sequestratori dell’Esma, la scuola della Marina Militare in prima linea nella persecuzione dei giovani oppositori della dittatura negli anni bui dal ’76 all’83.

CAsa-de-Rodolfo

La casa di Rodolfo Walsh è in sobborgo di Buenos Aires, San Vicente, e vi abita attualmente la sorella di un militare implicato nel sequestro di Walsh, il subcomisario della polizia Rubén Sala.

Rodolfo Walsh è “scomparso” il 25 marzo del 1977 nel corso di una delle operazioni  degli squadroni della morte della giunta Videla.

Walsh

Walsh era un giornalista e uno scrittore, un rappresentante assai noto del giornalismo investigativo. Col suo libro “Operaciòn Masacre” aveva dato vita al genere del romanzo-verità raccontando nel ’57 un episodio cruento delle forze armate che avevano rovesciato il peronismo.

In seguito aveva fondato con Gabriel Garcia Marquez l’agenzia di stampa Prensa Latina. In Argentina si era poi legato al movimento dei Montoneros. Nelle attività col gruppo aveva perso, la figlia maggiore Vicki, vittima in un conflitto a fuoco.

Nel 1977 aveva scritto una lettera aperta al dittatore Videla. Stava provvedendo a diffonderla quando era stato catturato.

Nella lettera denunciava e chiedeva conto dei crimini compiuti dalla dittatura.

All’Esma sarebbe arrivato già morto, il suo corpo forse è stato interrato nel campo sportivo dell’Esma che a differenza della scuola stessa non è mai stato indagato a fondo.

Ora l’estremo insulto, l’accaparramento della sua casa da parte di uno dei suoi carnefici.

tagged under: .......

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to Argentina: la casa del “desaparecido” Walsh accaparrata da uno dei suoi carnefici

  1. herman carrasco says:

    gracias Paolo por tu incansable lucha por verdad y justicia en nuestra america morena y en el mundo .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *