Con Panahi altri cineasti arrestati in Iran: Ghaem-Maghami, Mahnaz, Rasoulof. Un appello su Facebook

giovedì, 4 Marzo, 2010

Con Jafar Panahi altri cineasti arrestati in Iran: Ghaem-Maghami, Mahnaz, Rasoulof
L’arresto da parte della polizia iraniana dei cineasti Rokhsareh Ghaem-Maghami, Mahnaz Mohammadi, Jafar Panahi, Mohammad Rasoulof insieme all’operatore Ebrahim Ghafari e a una decina di persone, tutti accusati di star lavorando alla realizzazione di un film considerato “ostile al regime”, è un gravissimo atto intimidatorio contro la libertà di espressione in Iran. L’Associazione dei Festival Italiani di Cinema (AFIC) esprime una dura condanna di quanto avvenuto, che è solo l’ultimo di tutta una serie di limitazioni delle libertà personali di esponenti del mondo culturale e civile iraniano, e si unisce a tutte le forze che in queste ore stanno protestando contro il governo iraniano che colpisce i diritti fondamentali delle persone.
Mohammad Rasoulof è stato ospite del festival “Filfestival Senza Frontiere” la scorsa estate a Roma. Alla Casa del Cinema di Roma ha partecipato alla proiezione del suo film “Head Wind”, sulla censura in Iran. Diceva la brochure di presentazione: “HEAD WIND regia di Mohammad Rasoulof, 2008 Iran, doc 65’ La censura in Iran e’ ovunque. Le televisioni satellitarie sono proibite, ma si trovano antenne su ogni tetto”. Fino all’ultimo la sua partecipazione era in forse, i visti sono stati dati con molto ritardo dalle autorità del suo paese. E ora hanno arrestato anche lui.

Intanto su Facebook si è formato un gruppo di protesta: Protestiamo per l’arresto del regista Jafar Panahi a Teheran. In poche ore ha già raggiunto 4112 adesioni (ore 17,30 di oggi).
La lettera è rivolta al Presidente Napolitano e al ministro degli esteri Frattini. Dice:
Signor Presidente,
Signor Ministro,

con la presente inoltriamo formale richiesta per sollecitare il Vostro immediato impegno nella protesta da inoltrare presso le autorità della Repubblica Islamica d’Iran, contro la gravissima violazione dei diritti umani e della libertà di espressione commessa dalle autorità di quel Paese, arrestando la sera del 1° marzo 2010 presso la sua abitazione di Teheran il regista cinematografico Jafar Panahi insieme a sua moglie, sua figlia e altri presenti in quel momento nell’abitazione (tra cui i registi Mohammad Rasulov, Mahnaz Mohammadi, Rokhsareh Ghaem-Maghami e il cineoperatore Ebrahim Ghafari). Al regista sarà in questo modo impedito di proseguire le riprese di un film documentario sulle attuali proteste popolari in corso in Iran nei confronti delle autorità governative.
La gravità simbolica dell’atto, che colpisce uno dei più importanti, premiati e autorevoli cineasti iraniani come monito intimidatorio affinché nessuno – men che mai un artista -, documenti la feroce repressione in corso nel paese, è l’ennesimo episodio di disprezzo delle Convenzioni Internazionali per i Diritti dell’Uomo, peraltro sottoscritte anche dall’Iran, a cui sentiamo di doverci opporre come cittadini italiani, europei, e cittadini del mondo e parti in causa della società civile.
Chiediamo pertanto che il nostro appello sia parimenti promosso presso le sedi dell’Unione Europea e dell’ONU, affinché sostengano la protesta contro le autorità iraniane per questo deprecabile atto.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: