In 5000 a piazza Navona col Popolo viola contro il decreto di Berlusconi

domenica, 7 Marzo, 2010

Manifestazione del Popolo viola a Roma e in tante altre città: Napoli, Firenze, Ferrara, Campobasso, Arezzo, Sassari, Reggio Calabria, Bari, Messina, Pistoia, Pescara. Lanciata l’idea di boicottare i prodotti di Berlusconi. A proporlo, a Roma, Gianfrancoi Mascia che ha detto: “In piazza Navona oggi ci sono più di 5.000 persone, il Pdl deve sapere che con questo decreto sta òperdendo elettori, sono in tanti del centro destra  ad essersi rivolti a noi in qwueste ore”. Poi Mascia ha lanciato un appello a non astenersi dal voto: “Non bisogna chiudersi sull’Aventino – ha detto – ma è invece il momento di mettersi in gioco. I cittadini rappresentano la parte dura della società che può difendere le istituzioni. Nessun Aventino, compattiamo i partiti e convinciamo gli elettori ad andare a votare”.

La manifestazione è stata ripresa integralmente sul sito www.ilpopoloviola.it e sulla pagina nazionale del Popolo Viola di Facebook. Dalle 16 alle 16.30 sono stati letti i messaggi delle discussioni degli internauti postati su Facebook, in modo da collegare la gente in piazza con le gente collegata su internet.
In piazza il «popolo viola» ha rubato una frase a John Belushi per lo slogan della manifestazione: «Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare», è la scritta che campeggiava sul palco allestito a piazza Navona a Roma per la protesta in scena dal primo pomeriggio fino alle 18,30. Sulk palco un piccolo catafalco con su scritto (nella foto): “Qui giace lo stato di diritto”.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: