Riapre dopo otto anni la stazione di Salone. Era stata chiusa causa nomadi

mercoledì, 31 Marzo, 2010
GIOVEDI’ 1° APRILE APRE FINALMENTE LA STAZIONE DI SALONE
Una battaglia dei Comitati e dei Cittadini durata otto anni
Nel lontano 2002 la Stazione di Salone fu chiusa per motivi di ordine pubblico dovuto al campo nomadi vicino, allora incontrollato.
Nel 2006 Trenitalia voleva sopprimerla, ma i cittadini si opposero scoprendo, tra l’altro, che era stato già realizzato, nel frattempo, il sottopasso dei binari e che poi era stato interrato. Il Sindaco Veltroni quindi si oppose anch’egli alla chiusura definitiva della Stazione.
Nel Novembre del 2007, in occasione di un’assemblea pubblica a Case Rosse dovuta ai soliti problemi di mobilità, il Consigliere regionale On. Carapella, e l’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma, On. Calamante, s’impegnarono con i Comitati e i Cittadini a ristrutturare ed aprire al più presto la Stazione di Salone, promessa da anni come unico mezzo di trasporto su ferro, la FR2, a servizio dei quartieri di Case Rosse, Settecamini e delle migliaia di lavoratori della Tiburtina Valley.
Nel marzo del 2008 infatti iniziarono i lavori e in pochi mesi, il 15 dicembre, la Stazione fu completata e consegnata alle Ferrovie il 23 febbraio 2009, per essere aperta da lì a poco.
Arrivò invece l’opposizione all’apertura da parte del Prefetto per motivi di ordine pubblico dovuto al vicino campo nomadi. Seguirono nei mesi successivi le proteste dei Comitati e dei Cittadini con ampio risalto dei mezzi di comunicazione.
Nel Dicembre scorso migliaia di Cittadini inviarono migliaia di FAX e MAIL all’Assessore alla mobilità della Regione Lazio, On. Dalia, al Prefetto Pecoraro e al Sindaco di Roma, On. Alemanno. Nei Fax si chiedeva all’On. Dalia ed al Prefetto l’apertura della Stazione e, al Sindaco Alemanno, la predisposizione di BUS Navetta e telepass gratuito per il casello di Settecamini sull’A24.
QUESTA ULTIMA MASSICCIA PROTESTA DEI FAX E DELLE MAIL CERTAMENTE E’ STATA DETERMINATE PER L’APERTURA DELLA STAZIONE DECISA PER IL 1° APRILE.
Nei giorni scorsi i Cittadini hanno inviato migliaia di fax e mail al Sindaco Alemanno per chiedere di rendere utilizzabile la Stazione, lontana dai centri abitati e priva di parcheggi, attraverso un BUS NAVETTA ed altri piccoli interventi sulla mobilità locale.
I COMITATICITTADINI
tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: