Le ferrovie vorrebbero schedare i rom

giovedì, 6 Maggio, 2010
Che la riapertura fella stazione Salone, sulla linea Roma Avewzzano, fosse problematiuca si sapeva. Ma che le Ferrovie dello Stato avessero ideato un modulo per schedare i rom del locale campo, quello di di Salone, questa è una novità. Razzista e discriminatoria, anche sde il modulo predisposto ancora non è stato usato. A denunciarlo è stato il sindacato dei ferrovieriomo Fast Ferrovie. “Larichiesta ai capotreni di indicare viaggiatori di etnia rom, meramente in quanto tali e senza alcun’altra motivazione, non può avere altra lettura che la discriminazione – scrive al ministro il segretario di Fast, Piero Serbassi – Noi crediamo che tutto ciò non possa essere tollerato. Per questo siamo a chiederle un intervento”.
Il modulo è non è mai stato usato, replicano dalle Fs. E allora? Il problema è che sia stato pensato e soprattutto che fisicamente esista. “Tutto quello che facciamo è per la sicurezza dei viaggiatori – spiegano dall’azienda – la fermata di Salone è nei pressi di un enorme campo nomadi, è stata chiusa nel 2002 per ragioni di sicurezza e riaperta solo dal primo aprile. La questione è molto seria, in passato ci sono state minacce ai viaggiatori, nessuno voleva più prendere il treno in quella stazione. La riapertura è stata concessa solo a patto di controlli molto rigidi sulla sicurezza, con tanto di telecamere. La questione di quell’area è nota a tutte le amministrazioni”. 
tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: