Riconciliarsi con chi?

giovedì, 10 Giugno, 2010

GIUSTIZIA, PERDONO, RICONCILIAZIONE
E’ possibile una riconciliazione senza giustizia?
Negli anni ’70 il Cile dei militari golpisti fece conoscere al mondo una feroce stagione di soprusi, sequestri, detenuti “desaparecidos”.
Oggi la Chiesa cattolica cilena, nella ricorrenza del bicentenario dell’indipendenza del Paese,  ha chiesto un indulto anche per chi si è macchiato durante gli anni della dittatura Pinochet di crimini di lesa umanità.
I familiari dei caduti e dei torturati hanno indirizzato nei giorni scorsi una lettera al cardinale di Santiago Javier Arrazuriz per esprimere tutta la loro contrarietà.
In Italia si sta celebrando a Roma, davanti alla I Corte d’Assise del Tribunale di Roma, il processo al procuratore militare Alfonso Podlech accusato della “scomparsa” nel Cile del 1973 di Omar Venturelli, un militante di Cristiani per il Socialismo, ex sacerdote e docente di pedagogia all’Università cattolica di Temuco. Nella prossima udienza del 18 giugno saranno ascoltati nuovi testimoni d’accusa. .
Il processo Podlech vede l’imputato in aula, il suo comportamento anche di fronte a testimonianze schiaccianti da parte di vittime dei sistemi giudiziari allora garantiti dalla tortura non ha mostrato alcuna forma di ripensamento.
Alfonso Podlech ha puntato finora solo a una sterile difesa costellata di penosi aggiustamenti, nell’ultima udienza ha usato una dichiarazione volontaria solo per dire che in Cile non sono stati usati dai magistrati “metodi da Brigate Rosse”. E questo lo ha detto di fronte a un testimone come Victor Maturana che gli aveva appena contestato di essere stato legato nudo a una rete metallica e aver subito torture con l’elettricità, prima di comparire davanti a lui che lo interrogava come procuratore militare. La vittima ha anche aggiunto: “Se al giudice Podlech non bastava quanto avevo deposto, mi riportavano  nella sala di tortura per un altro trattamento. E così via…”.
Alla vigilia di questo processo sui desaparecidos cileni – la nuova udienza è prevista venerdì 18
(I Corte d’Assise, I piano dell’Edificio B del Tribunale di Roma) – ci s’interroga sul valore della riconciliazione. E’ possibile una riconciliazione senza giustizia?
Giovedì 17 giugno, ore 17,00,  Sala della Pace della Provincia,  Palazzo Valentini  (via IV Novembre, 119A).
Imcontro promosso da 24marzo Onlus e Associazione culturale lalottacontinua.
Partecipano Hugo Venturelli nipote del “desaparecido” Omar Venturelli, l’avvocato Marcello Gentili, Don Tonio Dell’Olio di Libera International, il Pastore Antonio Adamo della Chiesa Valdese,  il vaticanista Ettore Masina, la giornalista cilena Patricia Mayorga,
Un saluto del consigliere provinciale Gianluca Peciola.
Coordina  il giornalista Paolo Brogi.
tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: