Chicca Roveri ai mafiosi: “Mauro ve la farà pagare anche da morto”

venerdì, 19 Novembre, 2010

Valentina Cavaglia su Antimafia 2000 ha pubblicato un’intervista a Chicca Roveri, che poi Chicca ha denunciato come mai avvenuta. Pubblico l’intervista che si trova comunque sulla rete e la risposta fatta arrivare da Chicca. Per me conta la risposta, ma per capirla bisogna anche leggere questa intervista.

Antimafia 2000, di Valentina Caviglia – 19 novembre 2010
A distanza di 22 anni, l’udienza preliminare per l’omicidio di Mauro Rostagno si è conclusa con il rinvio a giudizio dei boss del trapanese Vincenzo Virga, in qualità di organizzatore, e di Vito Mazzara, come esecutore materiale del delitto. E’ quanto disposto dal  giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo Ettorina Contino.

Chicca Roveri, compagna di Rostagno, capelli corti, jeans, sguardo dolce e malinconico, era presente in aula. Ci ha concesso una breve intervista.

Signora Roveri, cosa ha provato ad ascoltare la decisione del giudice?
“Abbiamo dovuto aspettare ventidue anni per arrivare ad un processo per un delitto in cui sia il movente che la sua matrice mafiosa apparivano chiari fin dall’inizio. Questo accade in Italia. Non posso dirmi contenta, no, non me la sento. Certo, poteva andare molto peggio”.

Come se non bastasse il lutto, lei ha dovuto pagare un prezzo alto in questa vicenda processuale.
“Sono stati anni oscurati da continui sospetti. Io ho scontato personalmente diversi anni di carcere. Non ci sono parole per spiegare quello che si prova”.

Cosa pensa della tesi della difesa, che riprende la pista interna?
“Fango e fumo negli occhi. Come ha sostenuto chiaramente il procuratore Ingroia,  i depistaggi sulle indagini sono stati intenzionali e sistematici. Si voleva far passare il tutto come la storiella della mogliettina infelice, sminuendo così la figura di Mauro e distruggendo la nostra vita. Le cose hanno iniziato ad andare meglio solo quando il caso è passato alla procura di Palermo”.

Vede analogie col caso Impastato?
“Non solo col caso di Peppino Impastato, ma con innumerevoli altri casi. Il meccanismo è sempre lo stesso. Si mira a ritardare il più possibile il giudizio perché l’opinione pubblica se ne dimentichi, e tutto passi sotto silenzio. In questo sono riusciti. Come vede, oggi a mancare in questa aula non è solo la stampa, ma anche la società civile, le associazioni”.

Pensa che l’avvio del  processo possa riavvicinare l’opinione pubblica alla vicenda di Mauro?
“Forse. Almeno lo spero”.

Poi Chicca Roverio ha precisato di non aver mai rilasciato questa intervista. Anzi il, suo punto di vista è questo, comunicato attraverso Eugenio Papetti, un amico di Brescia:

Eugenio ha scritto: “Ricevo da Elisabetta Roveri, compagna di Mauro: intervista inventata di sana pianta. Mi spiace per chi l’ha scritta. io penso che sia una vittoria arrivare, anche se dopo 22 anni, al processo, proprio per i depistaggi e le scorrettezze avvenute in questi lunghissimi 22 anni. ma proprio per questo dobbiamo cogliere il segno positivo di essere riusciti ad arrivare a mettere sotto accusa la mafia per la morte di mauro. Il 2 febbraio, a trapani, abbiamo la possibilità di mostrare a tutti i cittadini di trapani, che la mafia non ha vinto con mauro: due suoi importanti merdosi esponenti sono alla sbarra. Io non sono distrutta, sono felice che si sia arrivati a ciò, non ci speravo più ed invece… strano che sia io a dover spiegare che 22 anni sono tantissimi, ma anche possono essere importanti per andare avanti e continuare a fare quello che mauro stava facendo Mauro e tanti altri, prima e dopo di lui. Eugenio se fai circolare quell’intervista fai circolare anche questo mio pezzo. Non perdiamo il treno anche questa volta, ma usiamolo. Dobbiamo continuare a crederci e a trasmettere questa volontà di cambiamento. A me la mafia non mi ha distrutto. Ieri quando in tribunale l’avvocato di virga ci ha dato un saggio di quella che sarà la loro difesa al processo e cioè che la mafia non c’entra, mi hanno caricato a mille. Mauro ve la farà pagare anche da morto. Avete proprio sbagliato a portarcelo via.”
tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: