Da Gaza un manifesto. Di presunti giovani, in forma anonima e molto irriverente contro tutto e tutti. Da prendere sul serio?

martedì, 4 Gennaio, 2011

Dicono di chiamarsi GYBO, “Gaza Youth Breaks Out”. E dalla fine dell’anno hanno messo in rete attraverso l’omonimo gruppo su Facebook un manifesto contro tutto e contro tutti: Hamas e Israele (nell’ordine), Fatah e l’Onu, l’Unrwa e gli Usa. Se è vero è una novità. Per il momento gli autori sono però anonimi. A chi li ha contattati attraverso la mail fornita nel loro sito (freegazayouth@hotmail.com) hanno risposto così: “We are a group of young people living in Gaza facing different kinds of violence everyday. We are looking for change in our country and trying to taste peace. we can’t give you names bcz we are working undercover and we can’t have meetings as well for our safety.” Da prendere sul serio? Oppure no? Questo comunque è il testo in inglese del loro “manifesto” per il cambiamento, segue una traduzione.

GAZAN YOUTH’S MANIFESTO FOR CHANGE

Fuck Hamas. Fuck Israel. Fuck Fatah. Fuck UN. Fuck UNWRA. Fuck USA! We, the youth in Gaza, are so fed up with Israel, Hamas, the occupation, the violations of human rights and the indifference of the international community! We want to scream and break this wall of silence, injustice and indifference like the Israeli F16’s breaking the wall of sound; scream with all the power in our souls in order to release this immense frustration that consumes us because of this fucking situation we live in; we are like lice between two nails living a nightmare inside a nightmare, no room for hope, no space for freedom. We are sick of being caught in this political struggle; sick of coal dark nights with airplanes circling above our homes; sick of innocent farmers getting shot in the buffer zone because they are taking care of their lands; sick of bearded guys walking around with their guns abusing their power, beating up or incarcerating young people demonstrating for what they believe in; sick of the wall of shame that separates us from the rest of our country and keeps us imprisoned in a stamp-sized piece of land; sick of being portrayed as terrorists, homemade fanatics with explosives in our pockets and evil in our eyes; sick of the indifference we meet from the international community, the so-called experts in expressing concerns and drafting resolutions but cowards in enforcing anything they agree on; we are sick and tired of living a shitty life, being kept in jail by Israel, beaten up by Hamas and completely ignored by the rest of the world.

There is a revolution growing inside of us, an immense dissatisfaction and frustration that will destroy us unless we find a way of canalizing this energy into something that can challenge the status quo and give us some kind of hope. The final drop that made our hearts tremble with frustration and hopelessness happened 30rd November, when Hamas’ officers came to Sharek Youth Forum, a leading youth organization (www.sharek.ps) with their guns, lies and aggressiveness, throwing everybody outside, incarcerating some and prohibiting Sharek from working. A few days later, demonstrators in front of Sharek were beaten and some incarcerated. We are really living a nightmare inside a nightmare. It is difficult to find words for the pressure we are under. We barely survived the Operation Cast Lead, where Israel very effectively bombed the shit out of us, destroying thousands of homes and even more lives and dreams. They did not get rid of Hamas, as they intended, but they sure scared us forever and distributed post traumatic stress syndrome to everybody, as there was nowhere to run.

We are youth with heavy hearts. We carry in ourselves a heaviness so immense that it makes it difficult to us to enjoy the sunset. How to enjoy it when dark clouds paint the horizon and bleak memories run past our eyes every time we close them? We smile in order to hide the pain. We laugh in order to forget the war. We hope in order not to commit suicide here and now. During the war we got the unmistakable feeling that Israel wanted to erase us from the face of the earth. During the last years Hamas has been doing all they can to control our thoughts, behaviour and aspirations. We are a generation of young people used to face missiles, carrying what seems to be a impossible mission of living a normal and healthy life, and only barely tolerated by a massive organization that has spread in our society as a malicious cancer disease, causing mayhem and effectively killing all living cells, thoughts and dreams on its way as well as paralyzing people with its terror regime. Not to mention the prison we live in, a prison sustained by a so-called democratic country.

History is repeating itself in its most cruel way and nobody seems to care. We are scared. Here in Gaza we are scared of being incarcerated, interrogated, hit, tortured, bombed, killed. We are afraid of living, because every single step we take has to be considered and well-thought, there are limitations everywhere, we cannot move as we want, say what we want, do what we want, sometimes we even cant think what we want because the occupation has occupied our brains and hearts so terrible that it hurts and it makes us want to shed endless tears of frustration and rage!

We do not want to hate, we do not want to feel all of this feelings, we do not want to be victims anymore. ENOUGH! Enough pain, enough tears, enough suffering, enough control, limitations, unjust justifications, terror, torture, excuses, bombings, sleepless nights, dead civilians, black memories, bleak future, heart aching present, disturbed politics, fanatic politicians, religious bullshit, enough incarceration! WE SAY STOP! This is not the future we want!

We want three things. We want to be free. We want to be able to live a normal life. We want peace. Is that too much to ask? We are a peace movement consistent of young people in Gaza and supporters elsewhere that will not rest until the truth about Gaza is known by everybody in this whole world and in such a degree that no more silent consent or loud indifference will be accepted.

This is the Gazan youth’s manifesto for change!

We will start by destroying the occupation that surrounds ourselves, we will break free from this mental incarceration and regain our dignity and self respect. We will carry our heads high even though we will face resistance. We will work day and night in order to change these miserable conditions we are living under. We will build dreams where we meet walls.

We only hope that you – yes, you reading this statement right now! – can support us. In order to find out how, please write on our wall or contact us directly: freegazayouth@hotmail.com

We want to be free, we want to live, we want peace.

FREE GAZA YOUTH!

Pls consider supporting us by taking one or more of the following actions:

1) Promoting our manifesto by sharing it on your profile on Facebook
2) Sending an email to your friends asking them to like our page FB
3) Translating the manifesto to your language and sending it to us (we have it in English, Arabic, Hebrew, French, Portuguese, German, Spanish, Italian, Dutch, Danish)
4) Sending the manifesto to journalists in your country
5) Making organizations in your countries that are concerned with the Palestinian issue and/or youth rights know about our existence
6) Posting links about violation of youth’s rights in Gaza on our wall
7) Planning an event in your country about this issue and/or organizing for a skype conference, where we are able to talk with a group of youth, politicians or others outside Gaza
8) Suggesting us ideas for reaching out to a greater number of people

Riporto qui di seguito la traduzione a cura di Chiara Baldini::

Vaffanculo Hamas. Vaffanculo Israele. Vaffanculo Fatah. Vaffanculo Onu.
Vaffanculo UNWRA. Vaffanculo USA! Noi, i giovani di Gaza, siamo stufi di
Israele, di Hamas, dell’occupazione, delle violazioni dei diritti umani e
dell’indifferenza della comunità internazionale! Vogliamo urlare per rompere
il muro di silenzio, ingiustizia e indifferenza, come gli F16 israeliani
rompono il muro del suono; vogliamo urlare con tutto il potere delle nostre
anime per sfogare l’immensa frustrazione che ci consuma per la situazione
del cazzo in cui viviamo; siamo come pidocchi stretti tra due unghie,
viviamo un incubo dentro un incubo, dove non c’è spazio né per la speranza
né per la libertà. Ci siamo rotti i coglioni di rimanere imbrigliati in
questa guerra politica; ci siamo rotti i coglioni delle notti nere come il
carbone con gli aerei che sorvolano le nostre case; siamo stomacati
dall’uccisione di contadini innocenti nella zona franca, colpevoli solo di
stare lavorando le loro terre; ci siamo rotti i coglioni degli uomini
barbuti [cioè i miliziani di Hamas, Nda] che se ne vanno in giro con i
fucili abusando del loro potere, picchiando o incarcerando i giovani
colpevoli solo di manifestare per ciò in cui credono; ci siamo rotti i
coglioni del muro di vergogna che ci separa dal resto del nostro paese
tenendoci ingabbiati in un pezzo di terra grande quanto un francobollo; e ci
siamo rotti i coglioni di chi ci dipinge come terroristi, fanatici fatti in
casa con le bombe in tasca e il maligno negli occhi; abbiamo le palle piene
dell’indifferenza da parte della comunità internazionale, i cosiddetti
esperti in esprimere sconcerto e stilare risoluzioni, ma codardi nel mettere
in pratica qualsiasi cosa su cui si trovino d’accordo; ci siamo rotti i
coglioni di vivere una vita di merda, imprigionati dagli israeliani,
picchiati da Hamas e completamente ignorati dal resto del mondo.

C’è una rivoluzione che cresce dentro di noi, un’immensa insoddisfazione e
frustrazione che ci distruggerà a meno che non troviamo un modo per
canalizzare questa energia in qualcosa che possa sfidare lo status quo e
ridarci la speranza. La goccia che ha fatto traboccare il vaso facendo
tremare i nostri cuori per la frustrazione e la disperazione è stata quando
il 30 Novembre gli uomini di Hamas sono intervenuti allo Sharek Youth Forum,
un’organizzazione di giovani molto seguita (www.sharek.ps), con fucili,
menzogne e violenza, buttando tutti fuori, incercerando alcuni esponenti e
proibendo allo Sharek di continuare a lavorare. Alcuni giorni dopo, alcuni
dimostranti davanti alla sede dello Sharek sono stati picchiati, altri
incarcerati. Stiamo davvero vivendo un incubo dentro un incubo. E’ difficile
trovare le parole per descrivere le pressioni a cui siamo sottoposti. Siamo
sopravvissuti a malapena all’Operazione Piombo Fuso, in cui Israele ci ha
bombardati di brutto con molta efficacia, distruggendo migliaia di case e
ancora più persone e sogni. Non si sono sbarazzati di Hamas, come speravano,
ma ci hanno spaventati a morte per sempre, facendoci tutti ammalare di
sindrome post-traumatica visto che non avevamo nessun posto dove rifugiarci..
Siamo giovani dai cuori pesanti. Ci portiamo dentro una pesantezza così
immensa che rende difficile anche solo godersi un tramonto. Come possiamo
godere di un tramonto quando le nuvole dipingono l’orizzonte di nero e
orribili ricordi del passato riaffiorano alla mente ogni volta che chiudiamo
gli occhi? Sorridiamo per nascondere il dolore. Ridiamo per dimenticare la
guerra. Teniamo alta la speranza per evitare di suicidarci qui e adesso.
Durante la guerra abbiamo avuto la netta sensazione che Israele voglia
cancellarci dalla faccia della Terra. Negli ultimi anni Hamas ha fatto di
tutto per controllare i nostri pensieri, comportamenti e aspirazioni. Siamo
una generazione di giovani abituati ad affrontare i missili, a portare a
termine la missione impossibile di vivere una vita normale e sana, a
malapena tollerata da una enorme organizzazione che ha diffuso nella nostra
società un cancro maligno, causando la distruzione e la morte di ogni
cellula vivente, di ogni pensiero e sogno che si trovasse sulla sua strada,
oltre che la paralisi della gente a causa del suo regime di terrore. Per non
parlare della prigione in cui viviamo, una prigione giustificata e sostenuta
da un paese cosiddetto democratico.

La storia si ripete nel modo più crudele e non frega niente a nessuno.
Abbiamo paura. Qui a Gaza abbiamo paura di essere incarcerati, picchiati,
torturati, bombardati, uccisi. Abbiamo paura di vivere, perché dobbiamo
soppesare con cautela ogni piccolo passo che facciamo, viviamo tra
proibizioni di ogni tipo, non possiamo muoverci come vogliamo, né dire ciò
che vogliamo, né fare ciò che vogliamo, a volte non possiamo neanche pensare
ciò che vogliamo perché l’occupazione ci ha occupato il cervello e il cuore
in modo così orribile che fa male e ci fa venire voglia di piangere lacrime
infinite di frustrazione e rabbia!

Non vogliamo odiare, non vogliamo sentire questi sentimenti, non vogliamo
più essere vittime. BASTA! Basta dolore, basta lacrime, basta sofferenza,
basta controllo, proibizioni, giustificazioni ingiuste, terrore, torture,
scuse, bombardamenti, notti insonni, civili morti, ricordi neri, futuro
orribile, presente che ti spezza il cuore, politica perversa, politici
fanatici, stronzate religiose, basta incarcerazioni! DICIAMO BASTA! Questo
non è il futuro che vogliamo!

Vogliamo tre cose. Vogliamo essere liberi. Vogliamo poter vivere una vita
normale. Vogliamo la pace. È chiedere troppo? Siamo un movimento per la pace
fatto dai giovani di Gaza e da chiunque altro li voglia sostenere e non si
darà pace finché la verità su Gaza non venga fuori e tutti ne siano a
conoscenza, in modo tale che il silenzio-assenso e l’indifferenza urlata non
siano più accettabili.

Questo è il manifesto dei giovani di Gaza per il cambiamento!

Inizieremo con la distruzione dell’occupazione che ci circonda, ci
libereremo da questo carcere mentale per riguadagnarci la nostra dignità e
il rispetto di noi stessi. Andremo avanti a testa alta anche quando ci
opporranno resistenza. Lavoreremo giorno e notte per cambiare le miserabili
condizioni di vita in cui viviamo. Costruiremo sogni dove incontreremo muri..

Speriamo solo che tu – sì, proprio tu che adesso stai leggendo questo
manifesto!- ci sosterrai. Per sapere come, per favore lascia un messaggio o
contattaci direttamente a freegazayouth@hotmail.com.

Vogliamo essere liberi, vogliamo vivere, vogliamo la pace.

LIBERTA’ PER I GIOVANI DI GAZA!

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: