Egitto: 4 morti, El Baradei arrestato, Al Jazeera oscurata, scontri, arrivano i tank

venerdì, 28 Gennaio, 2011

Mubarak asserragliato a Nasr City sta infliggendo all’Egitto in rivolta un durissimo giro di vite. In centro al Cairo, dove sono già registrati tre morti e parecche decine di feriti, stanno arrivando i tank. Migliaia i manifestanti, in piazza e per le strade, così come anche ad Alessandria dove il regime ha schierato 15 mila poliziotti e dove è morto un quarto manifestante.

Fermati giornalisti stranieri, come quattro francesi poi rilasciati,  picchiato un reporter di Al Jazeera.

Il principale riferimento dell’opposizione, El Baradei, è stato messo agli arresti domiciliari.

Oscurato il web ed internet. Oscurata Al Jazeera.

Su Twitter si riversano le grida di resistenza.

Gli incidenti iniziati intorno alla grande moschea dio Al Azhar, dove era andato anche El Baradei. All’alba erano già stati fermati esponenti dei “Fratelli Musulmani”, organizzazione integralista islamica che però non partecipa direttamente alla sollevazione.

Non è chiara la sorte di un altro dirigente dell’opposizione, Osama Ghazal el Arb.

Sangue nelle strade del Cairo anche oggi. Testimoni citati da un collegamento in diretta di Al Jazeera hanno detto che in piazza Tahrir ci sono morti.  L’ex capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Mohammed ElBaradei, che era tornato in Egitto giovedì candidandosi a guidare la transizione, è stato fermato dalla polizia, riporta Al Jazeera. La polizia ha usato manganelli per disperdere il cordone di manifestanti che si era formato attorno a ElBaradei per proteggerlo dall’intervento delle forze dell’ordine. I suoi sostenitori sono quindi stati picchiati dalle forze dell’ordine, che per disperdere la folla hanno anche fatto uso di idranti.

Una vasta folla si è radunata nei pressi di uno dei palazzi presidenziali della capitale egiziana, reclamando a gran voce la fine del regime di Hosni Mubarak. Persino davanti alla moschea di al-Azhar, cuore dell’Islam sunnita, si sono verificate cariche della polizia contro i manifestanti, che hanno reagito con lanci di pietre e immondizia agli idranti, ai lacrimogeni e ai proiettili rivestiti in gomma utilizzati dalle forze speciali per disperderli.

Dalla notte internet risulta inaccessibile in tutto l’Egitto. Il governo sembra aver bloccato la principale arma degli attivisti. I social network sono stati fondamentali per l’organizzazione delle proteste cresciute in questi giorni . Bloccato anche il servizio di sms fra cellulari. La conferma arriva anche da Vodafone. L’operatore inglese ha fatto sapere che oggi il governo egiziano ha chiesto all’azienda di sospendere la copertura in alcune aree del Paese. E Vodafone eseguirà la richiesta spiegando che le autorità egiziane chiariranno la situazione a tempo debito.

Dieci i giornalisti arrestati, si legge sul sito di al-Masry al-Youm, secondo il quale la polizia avrebbe aggredito un gran numero di reporter, tra cui quelli della Bbc, di al Jazeera, di al-Arabiya e di altri media locali e internazionali. L’emittente satellitare al-Jazeera ha dato notizia di quattro reporter francesi arrestati al Cairo, di un suo corrispondente, Ahmed Mansour, picchiato da poliziotti in borghese, di un reporter della Bbc ferito, sempre al Cairo, mentre seguiva le proteste.

Il canale all news di Al Jazeera, Mubasher, è stato «completamente oscurato in Egitto»: lo afferma un producer dell’emittente araba su Twitter. Reparti della polizia avrebbero inoltre aggredito due troupe della tv satellitare al-Arabiya nel centro della capitale, sequestrando il materiale filmato. In un momento in cui molti mezzi di comunicazione sono stati oscurati è difficile trovare conferme.

Idranti sulla protesta per le strade del Cairo (Ap

Ci sono notizie di incidenti anche ad Alessandria (dove migliaia di dimostranti si sono raccolti attorno all’ex parlamentare nasseriano Hamdiia Sabahi, possibile candidato alla presidenza) e manifestazioni ad al-Munia e a Suez. Un reporter della Bbc è stato ferito, a due troupe di Al-Arabiya è stato sequestrato il materiale filmato. Secondo Al Jazeera, la polizia è intervenuta al Cairo all’esterno della grande moschea di al-Azhar dopo la preghiera islamica del venerdì per disperdere la folla. Cortei si stanno dirigendo in direzione di piazza Tahrir, nei pressi della presidenza del Consiglio e del Parlamento. È massiccio il dispiegamento delle forze di sicurezza nella capitale egiziana. Gli uomini dei reparti speciali sono posizionati in tutti i punti strategici, riferiscono testimoni citati dal sito web del quotidiano The Telegraph.

Non solo al Cairo, ma in tutto l’Egitto il Venerdì della collera ha riscosso partecipazione popolare. Stando a quanto riferito dai diversi testimoni oculari, da Alessandria ad Assuan, da Suez a Mansoura, decine di migliaia di persone sono scese in piazza per protestare. Le autorità non hanno invece fornito alcuna stima. La situazione in molti casi è precipitata rapidamente e dai semplici raduni e cortei seguiti alle preghiere del venerdì si è passati a scontri di piazza con le forze di sicurezza, tavolta anche molto violenti. Nella capitale gli agenti in assetto anti-sommossa hanno completamente occupato la centralissima piazza al-Tahir, teatro nei giorni scorsi delle manifestazioni più imponenti. Massicio il dispiegamento di poliziotti e soldati anche in altri punti, in particolare presso la sede della televisione di Stato e la moschea di al-Azhar, cuore dell’Islam sunnita

La giornata era già partita con un raid della polizia che nella notte ha arrestato una ventina di attivisti dei Fratelli Musulmani: lo ha reso noto il loro avvocato, Abdel-Moneim Abdel Maqsoud. Tra gli arrestati i portavoce Essam El-Erian, Mohamed Mursi e Hamdy Hassan. Finora la «Società dei fratelli musulmani» si e mantenuta ai margini delle proteste contro il regime del di Mubarak, lasciando ai propri militanti libertà di scelta se parteciparvi o meno. Per oggi tuttavia avrebbero annunciato che sarebbero scesi pure loro nelle strade, dopo le preghiere del venerdì, seguendo l’esempio del più importante dissidente del Paese, ElBaradei, rientrato in patria giovedì. Il governo ha messo in guardia i giovani manifestanti perché non consentano ai Fratelli di strumentalizzare le proteste

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: