Gelli: io la P2, Cossiga Gladio e Andreotti l’Anello…A Brescia mesi fa le prime rivelazioni

martedì, 15 Febbraio, 2011

Tutti stupiti per il siluro di Gelli ad Andreotti e soprattutto per il nome della misteriosa struttura dell’Anello improvvisamente evocata dal capo della P2. Struttura segreta in mano ad Andreotti. Una struttura che quando aveva bisogno di armi andava in via Moscova dai carabinieri della Pastrengo, un posto infiltrato dalla P2 e questo era già noto, con il capitano Delfino molto attivo..La struttura intervenuta in tre casi italiani: Moro, Kappler, Cirillo. Ma veniamo alla sortita di Gelli:

“Giulio Andreotti – scrive stasera il Corriere online – sarebbe stato il vero “padrone” della Loggia P2? Per carità… io avevo la P2, Cossiga la Gladio e Andreotti l’Anello». L’Anello? «Sì, ma ne parleremo la prossima volta». Con poche parole, clamorose, l’ex venerabile Licio Gelli individua per la prima volta nel senatore Andreotti il referente di un’organizzazione quasi sconosciuta, un sorta di servizio segreto parallelo e clandestino che possibile anello di congiunzione tra i servizi segreti (usati in funzione anticomunista) e la società civile.

Il settimanale Oggi, che pubblica l’intervista a Gelli nel numero in edicola da mercoledì 16 febbraio (anche su www.oggi.it) ha chiesto un commento ad Andreotti, che ha immediatamente fatto sapere di non voler commentare. «L’Anello (o, più propriamente, il cosiddetto «Noto Servizio»)», spiega su Oggi lo storico Aldo Giannuli, già consulente della Commissione Stragi «fu un servizio segreto parallelo e clandestino, scoperto solo di recente nel corso della nuova inchiesta sulla strage di Brescia. Fondato nel 1944 dal generale Roatta per i «lavori sporchi» che non dovevano coinvolgere direttamente uomini dei servizi, subì diverse trasformazioni, scissioni e nuove entrare, per sciogliersi definitivamente intorno al 1990-91. La storia di questo servizio si incrocia con molte delle vicende più oscure della storia del nostro paese: da piazza Fontana al caso Moro al caso Cirillo. Il termine Anello non compare in alcun atto ma è citato da alcuni appartenenti all’organizzazione che si attribuiscono il ruolo di anello di congiunzione tra i servizi segreti (usati in funzione anticomunista) e la società civile».

Eppure la storia dell’anello era emersa nel processo per la strage di Brescia, purtroppo seguito per niente o quasi dai media italiani con l’eccezione lodevole della stampa locale come Bresciaoggi. L’Anello come responsabile della fuga di Kappler e altre fantastiche imprese.

Riporto quello che è uscito in  questo blog sull’udienza in cui se ne parlò a Brescia.

lunedì, febbraio 15th, 2010

Processo di Brescia: c’è l’Anello, struttura segretissima dei servizi, dietro la strage e la fuga di Kappler

Il processo per la Strage di Piazza della Loggia a Brescia va avanti nella disattenzione generale, complici i grandi media che non se ne occupano. Eppure uduenza dopo uidienza, siamo ormai quasi a quiota 100 udienze, vengono fuori aspetti clamorosi del coinvolgimento nelle stragi di apparati statali. Come la conferma, in questa udienza che riprendiamo ayttraverso il resoconto redatto dal cronista di “Bresciaoggi” il 10 febbraio, dell’esistenza di un super-servcizio segreto chiamato che ha svolto in Italia compiti molto particolari con grande vocazione allo stragismo, attivo anche nel sequestro Moro e in quello Cirillo, oltre che nella fuga di Kappler (nella foto segnaletica accanto). Ecco il resoconto fatto dal quotidiano bresciano.

IN TRIBUNALE. Davanti ai giudici i testimoni che hanno avuto notizie sul servizio segreto che per l’accusa avrebbe avuto un ruolo nella progettazione dell’attentato
Titolo: «La missione di Anello: fermare i rossi»
di Wilma Petenzi
Sommario: Il chirurgo bergamasco Pedroni: «Titta portò Kappler via da Roma e io lo visitai a Ponte San Pietro Fu Andreotti a volere il servizio»

La Cia de «I tre giorni del Condor» fotocopia di «Anello», il «noto-servizio» che operava al di fuori del Sid e degli Affari riservati. Finzione cinematografica e realtà che corrono paralleli, una costola dei servizi segreti che sfugge a ogni controllo e agisce con finalità e mezzi per nulla democratici: una sezione della Cia mette a punto un piano per invadere il Medio Oriente in caso di crisi petrolifera, «Anello» vuole fermare i comunisti.
Ieri al processo per la strage di piazza della Loggia la similitudine tra la realtà italiana degli anni Settanta e il film di Sydney Pollack del 1974 è emersa in tutta la sua drammaticità ed è stata rammentata da uno dei testi, il giornalista Marco Sassano, dal ’69 al ’78 redattore per L’Avanti e grande esperto di «trame nere» e servizi segreti. «C’è del marcio nella Cia» recita Robert Redford nel film, ma c’è del torbido anche in «Anello», il servizio super segreto che secondo i pm Roberto Di Martino e Francesco Piantoni ha avuto un ruolo, con apparati dello Stato e estremisti di destra, nella progettazione della strage.
In aula i giudici della corte d’assise hanno sentito ieri Giovanni Maria Rodolfo Pedroni, medico di Adalberto Titta, uomo di spicco di «Anello», morto in circostanze poco chiare nel novembre del 1981. Talmente di spicco che a Pedroni fece una serie di rivelazioni schock, alcune suffragate anche da padre Zucca, pure lui a conoscenza dell’esistenza del servizio super segreto. Rivelazioni che Pedroni ieri ha ripetuto in aula senza alcuna esitazione, a parte alcuni vuoti di memoria (è nato nel 1927). Il medico ha ricordato ai giudici di aver conosciuto Titta in una clinica milanese dove era ricoverato un amico, padre Zucca.
“Siamo diventati amici, io ero diventato il suo medico e lui raccontava» ha ricordato Pedroni. «Ci siamo frequentati a lungo e lui mi diceva dell’esistenza di questa struttura perchè i servizi ufficiali erano pasticciati e diceva che questo era un nuovo servizio, estremamente segreto, con compiti che non venivano affidati ai servizi ufficiali. Questo servizio aveva una funzione di “Anello”. Era Andreotti che aveva voluto questo nuovo servizio segreto”. II chirurgo bergamasco ha ricordato che quando avevano bisogno di armi le prendevano dai carabinieri di via Moscova a Milano, la stessa caserma che per l’accusa era frequentata anche dal capitano Delfino, uno degli imputati nel processo.
Sugli aderenti al noto-servizio Pedroni ha ricordato solo il nome di Sigfrido Battaini, che aveva un ufficio in via Statuto a Milano. Per l’accusa si tratta di un indirizzo importante perchè Antonio Molinari, teste nel processo, ha riferito di aver accompagnato una persona in via Statuto, dove c’era la sede di Anello, perchè aveva un incontro con il capitano Delfino.
Per Pedroni Anello ha avuto un ruolo in tre situazioni, la liberazione di Kappler, il sequestro Moro e il sequestro Cirillo. Per quanto riguarda Kappler Pedroni dice di averlo visitato a Ponte San Pietro. “Dopo la fuga dal Celio lo prese in custodia Titta che lo portò nella Bergamasca e poi da lì lo consegnò ai tedeschi per il ritorno in patria, dove morì dopo due mesi. E per quanto riguarda il sequestro Moro so che Titta sapeva dov’era il presidente della Dc. Mi disse “potremmo liberarlo, ma mi hanno detto di stare fermo”». Pedroni ha anche fatto sintesi delle finalità di Anello: “Avrebbe dovuto arginare l’avanzata delle sinistre, era un baluardo della democrazia”.
Dell’esistenza del servizio super segreto era a conoscenza anche il giornalista Marco Sassano che tra le sue fonti aveva un uomo di Olaf Palme, primo ministro svedese: “La Svezia era preoccupata per la situazione dell’Italia”, ha detto. C’era il timore che il nostro paese potesse fare la fine della Spagna e della Grecia e proprio per questo era nata una collaborazione con i socialisti. «” dall’uomo di Olaf Palme che abbiamo appreso che l’esplosivo usato in piazza Fontana era stato dato a Ordine Nuovo e a Ordine nero dai militari: negli attentati di destra l’esplosivo non era mai rubato, ma era della Nato”.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: