Per Mauro, mercoledì 16 la seconda udienza a Trapani: l’inchiesta e i depistaggi

martedì, 15 Febbraio, 2011

Mercoledì 16 febbraio, seconda udienza del Processo per l’omicidio di  Mauro Rostagno. A Trapani saranno presenti in aula Maddalena Rostagno e Chicca Roveri  (nella foto a Torino domenica per la dignità delle donne).

In aula gli inquirenti; sarà ricostruita la dinamica dell’inchiesta e questa sarà anche l’occasione per verificare la natura di alcuni depistaggi.

A fianco delle due donne domani di nuovo i giovani della società civile trapanese che si sono mobilitati già all’apertura del processo il 2 febbraio.

Ricordo le coordinate per chi voglia sostenere economicamente gli spostamenti di Maddalena,

Maddalena Rostagno   Banca Monte dei Paschi di Siena via Nizza 147/e – 10126 Torino
IBAN: IT02G 01030 01016 000000023500

Invito chi non si è iscritto ancora lla pagina Facebook a farlo. Basta andare su “Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno”.

Segnalo qui di seguito questo nuovo intervento di Rino Giacalone, giornalista di Trapani che segue con attenzione il procesio, gliene sono grato:

I pezzi mancanti

Domani a Trapani la seconda udienza del processo per l’omicidio del giornalista Mauro Rostagno

” href=”http://www.liberainformazione.org/img/rostagno_copy_1_copy_1.jpg”>

Mauro Rostagno

Ventidue anni da quel 26 settembre 1988. Un tempo infinito quando ci si chiede da chi e perché sia stato assassinato un uomo leale e generoso come Mauro Rostagno, che aveva fatto della protezione dei più deboli, della giustizia , della denuncia pubblica delle sopraffazioni, la ragione della sua vita. Un tempo infinito quando sia costellato di depistaggi, diffamazioni, violenze contro gli stessi familiari di Mauro, come l’arresto della sua compagna Chicca in seguito a indagini palesemente deviate o l’uso strumentale, infangandolo, del ruolo di Mauro in un lontano passato in Lotta Continua. Solo l’ostinazione e la passione di integerrimi uomini di legge, quali l’allora capo della Squadra Mobile di Trapani, Linares e i magistrati della Procura di Palermo, Ingroia e Paci, attorno ai quali vi è stata una straordinaria mobilitazione civile di comitati e associazioni, ha potuto fare aprire il processo incanalandolo verso i mandanti e gli esecutori mafiosi.

La vicenda, tuttavia, non si può fermare qui, tanto sono stati ripetuti, programmatici, i tentativi di deviarne il corso. Gli stessi elementi compaiono sistematicamente in altri delitti di mafia che hanno coinvolto il “gotha” di Cosa Nostra, nel caso di Mauro il capomafia Francesco Messina Denaro, padre del superlatitante Matteo e l’intera commissione provinciale mafiosa, fino al consenso di Totò Riina. Lo stesso Antonio Ingroia ha dichiarato: “I depistaggi sul delitto Rostagno sono stati sintomo di altri interessi. Fu un delitto di non sola mafia, possono esserci stati altri interessi convergenti.

E non disperiamo che pezzi di verità possano venir fuori dal dibattimento”. Due elementi, soprattutto, richiedono  attenzione. Il primo è che i tentativi di depistaggio nelle indagini sono una caratteristica dei delitti mafiosi più scottanti, dove sono in causa interessi occulti e potenti esterni a Cosa Nostra, dal caso De Mauro all’assassinio di Mattarella. Va poi attentamente valutato che fattori esterni, quali l’azione di appartenenti ai servizi segreti più o meno deviati o di funzionari che hanno tradito lo Stato, sono stati più volte accertati almeno subito dopo i delitti, dalla scomparsa delle carte del prefetto Dalla Chiesa la sera stessa dell’assassinio, alla sparizione dell’agenda rossa di Paolo Borsellino sulla scena della strage di Via D’Amelio, fino alle note informatiche contenute nel computer di Giovanni Falcone.

Anche Mauro Rostagno aveva un’arma segreta, che riteneva così essenziale da portarla sempre con sé. Una cassetta video che aveva girato quando si era imbattuto nell’ex aeroporto militare di Kinisia, vicino a Trapani, nella scena di un aereo militare, sembra diretto in Somalia, dal quale venivano scaricati aiuti umanitari sostituendoli con casse di armi. Di quella cassetta, che non fece in tempo a trasmettere dall’emittente RTC di cui dirigeva la parte giornalistica, Rostagno aveva fatto gelosamente una sola copia, chiusa in un cassetto.

Ma dopo il delitto, ambedue le cassette furono trafugate, la prima dall’auto su cui viaggiava, da parte degli stessi killer, la seconda all’interno della sede di RTC. Una vicenda almeno sospetta che sembra saldarsi alle inchieste sui traffici d’armi e rifiuti tossici, che hanno coinvolto diverse Procure e commissioni parlamentari, ultima quella presieduta da Gaetano Pecorella, che ha recentemente riaperto le indagini sul duplice omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, avvenuto a Mogadiscio il 20 Marzo 1994. Nel corso del processo, si dovrà approfondire il ruolo che ebbe in quegli anni il maresciallo Vincenzo Li Causi, uomo dei servizi  responsabile del centro Scorpione di Gladio, operante a Trapani, dove era altresì attiva la loggia massonica Iside 2.

Li Causi era certamente all’interno dei traffici che coinvolgevano l’aereoporto di Kinisia, così come divenne più tardi amico di Ilaria Alpi e probabilmente sua fonte d’informazione in Somalia, finchè non venne assassinato nel ’93 nel corso di un’ improbabile “partita di caccia”. E va chiarita la presenza in Somalia di Giuseppe Cammisa, uomo di fiducia del fondatore della comunità Saman, Cardella, a sua volta inquisito per traffici d’armi, grande amico di Bettino Craxi, fuggito dall’Italia. “Coincidenze” che vanno approfondite con scrupolo, affinché dopo 22 anni non cali nuovamente il buio sulla tragica fine di Mauro Rostagno.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: