Una guida per Auschwitz

mercoledì, 2 Marzo, 2011

11 marzo 2011 ore 11

Casa della Memoria e della Storia

via San Francesco di Sales 5, Roma

Presentazione del libro di Frediano Sessi, Carlo Saletti, Marsilio,

2011. Ogni anno, dall’Italia, più di 60.000 visitatori raggiungono il Lager

di Auschwitz; per lo più gruppi di studenti e di insegnanti, ma anche

famiglie e singole persone. Dal 1959 il loro numero cresce

continuamente, nonostante sia trascorso ormai più di mezzo secolo dalla

sua liberazione. Chi si reca a Oswiecim (Polonia) e visita il Lager di

Auschwitz, che ha sede nel campo base, e poi raggiunge Birkenau, il

campo di sterminio poco distante, spesso non riesce a capire come

funzionava questo immenso centro di sterminio e di afflizione. Intorno a

questo luogo memoriale immerso in un grande e profondo silenzio che

lascia esterrefatti, la vita scorre e la città come i suoi abitanti cercano di

mostrarsi per quello che sono oggi, senza riuscire a risolvere (ma si potrà

mai?) il conflitto tra il presente e un passato che non passa. Per capire

occorre arrivare a Oswiecim preparati e informati, ma poi sul luogo che

tra il 1940 e il 1945 vide morire più di un milione di ebrei e fu il Lager del

martirio di un’Europa soggiogata dalla scure nazista, gli occhi guardano

ciò che rimane senza troppo comprendere. “Visitare Auschwitz” è una

guida ricca di informazioni, fotografie e mappe, di suggerimenti puntuali

per aiutare il visitatore a entrare in ciò che resta oggi di questo terribile

passato, uno strumento per cominciare a ricostruire la storia del

complesso concentrazionario e a rivivere i frammenti di vita quotidiana

di molti dei deportati ebrei e non che vissero in questo luogo i loro

ultimi giorni.

Un articolo della Gazzetta di Brerscia sulo libro:

Oswiecim, cittadina polacca, entrata nella storia dei crimini dell’umanità come Auschwitz ed ora meta di un incessante turismo della memoria: nel lager, diventato museo, entrano ogni anno 1,5 milioni di visitatori, almeno 60 mila italiani. Ora, in libreria, arriva Visitare Auschwitz. Guida all’ex-campo di concentramento e al sito memoriale, editore Marsilio, autori Carlo Saletti e Frediano Sessi. La reazione immediata ed istintiva potrebbe essere di sconcerto, per la banalizzazione della immane tragedia a prodotto di consumo escursionistico, subito però cancellata dalla serietà e dal prestigio degli autori. «Guida certo – risponde a domanda Frediano Sessi – perché vogliamo condurre per mano il visitatore, ma è un volume di 340 pagine, con 150 tra fotografie, cartine, mappature, frutto di sei anni di ricerca e documentazione, per leggere l’esistente e ricostruire quello che era il comprensorio dei tre campi principali, cioè Auschwitz, Birkenau, Monowitz più i 42 chiamiamoli sottocampi e il complesso industriale della I.G.Farben, che produceva gomma sintetica». Sessi e Saletti hanno scelto percorsi tematici: archeologico, cioè l’interpretazione di quanto stato salvato dal 1945; ricostruzione storica, tramite una mole di materiali anche inediti e poi un censimento dentro il museo, comprese le testimonianze lapidee. L’inevitabile trasformazione dei luoghi non impedisce il ritorno al passato, con i resti dei 24 km di filo spinato, le fosse comuni diventate laghetti, i 200 fabbricati in rovina, le strade. «Il visitatore – aggiunge Sessi – spesso osserva quel che vede nel percorso museale, ma non può certo rendersi conto pienamente di quel che era il luogo di sterminio. Prezioso è stato anche il contributo dell’arch. Guglielmo Calciolari, mantovano, al quale si devono cartografia, disegni, riproduzioni». Visitare Auschwitz sarà presentato a Pegognaga martedì 25, ore 18, al Centro Culturale Livia Bottardi Milani.

19 gennaio 2011

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: