Berlusconi e il popolo bue. Il bluff del governo sul nucleare svelato ieri al vertice con i francesi

martedì, 26 Aprile, 2011

Popolo bue, non voterai contro. Il bluff di Berlusconi esplicitato ieri a Villa Madama, al termine del vertice con Sarkozy (nella foto la centrale di Chernobyl).

“La gente era contraria, fare il referendum adesso avrebbe significato eliminare per sempre la scelta del nucleare”. Silvio Berlusconi, nella conferenza stampa seguita al vertice italo-francese a Villa Madama, puntualizza così il senso della “moratoria nucleare” del governo. Quello stop, a detta di Berlusconi momentaneo, seguito al disastro di Fukushima , che ha reso vano il referendum previsto per giugno2. E che, con tutta probabilità, avrebbe visto la bocciatura della scelta nuclearista.

“L’accadimento giapponese ha spaventato ulteriormente i nostri cittadini. Se fossimo andati oggi al referendum, non avremmo avuto il nucleare in Italia per tanti anni. Per questo abbiamo deciso di adottare la moratoria, per chiarire la situazione giapponese e tornare tra due anni a un’opinione pubblica conscia della necessità nucleare” dice il Cavaliere. “Siamo assolutamente convinti che nucleare sia il futuro per tutto il mondo – aggiunge Berlusconi – L’energia nucleare è sempre la più sicura”. Anche perché, assicura, il disastro giapponese si è verificato perché la centrale di Fukushima era stata edificata su un terreno che non lo permetteva.

Quel che è certo, continua il premier, è che il futuro dei contratti tra Enel e Edf sul nucleare non pare compromesso: “Non vengono abrogati, non vengono annullati e stiamo decidendo di mandare avanti molti settori di questi contratti come quelli relativi alla formazione”.

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: