Il Pd, tramite Soru (che ripunta alla Sardegna), fa fuori Concita De Gregorio

venerdì, 17 Giugno, 2011

E’ pressochè ufficiale, Concita De Gregorio lascia l’Unità. A riferirlo è l’agenzia AgenParl. Non sono noti ancora i motivi di questa scelta. C’entrano qualcosa le ultime critiche mosse da Massimo D’Alema contro un articolo pubblicato sul quotidiano fondato da Antonio Gramsci?

L’Unità si rimette i pantaloni, hanno scritto giornali di destra. Non so che pantaloni porti Claudio Sardo, futuro direttore del giornale, già notista politico del Messaggero, veterano del Transatlantico, tecnico del parlamento a cui in molti si rivolgono per consigli. Sta di fatto che è un uomo. Non solo, un uomo attento alle ragioni del Pd. Ma guarda un po’…

Con Concita se ne va anche il vice Gian Maria Bellu, va a dirigere Sardegna 24 neonato giornale di Soru.

Chi muove tutte queste pedine? Già, è Soru, il proprietario anche dell’Unità. Il quale, si dice, vuole ricandidarsi in Sardegna.

E allora ecco l’accordo col Pd. Via Concita, dentro Sardo, meno società, più politica.

Povera Concita: l’Unità vende oggi 38 mila copie, questo calo (l’aveva preso a 48 mila, era cresciuta a 58 mila, poi…) lo imputano tutto a lei, in realtà le imputano semmai di non essersi piegata troppo spesso al Pd.

Naturalmente ecco sul piatto della bilancia di nuovo D’Alema. Che pena, questa situazione.

Auguro ai 61 giornalisti superstiti della testata un buon lavoro, certamente. Con loro non ci sono più una quindicina di pensionati cacciati fuori a forza. Pazienza.

Possibile che il Pd continui a produrre queste brutte, bruttissime storie?

tagged under:

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: