La Grecia fu uno dei paesi creditori che nel 1953 cancellarono il debito tedesco, 15 miliardi di marchi…

martedì, 30 Giugno, 2015

Il 27 febbraio 1953 fu siglato a Londra un accordo che cancellava la metà del debito della Germania: 15 miliardi su un totale di 30 miliardi di marchi tedeschi

I paesi che accordarono la cancellazione erano Belgio, Canada, Ceylon, Danimarca, Grecia, Iran, Irlanda, Italia, Liechtenstein, Lussemburgo, Norvegia, Pakistan, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica francese, Spagna, Stati Uniti d’America, Svezia, Svizzera, Unione Sudafricana e Jugoslavia dall’altra.

L’accordo, firmato per la Germania dal banchiere Hermann Josef Abs (nella foto), copriva anche il debito di privati e società. Dopo il 1953, altri paesi firmarono l’accordo per cancellare il debito tedesco: Egitto, Argentina, Congo Belga, Cambogia, Cameroun, Nuova Guinea, Rodesia e il Nyasaland (oggi Malawi, Zambia e Zimbabwe). Il debito Tedesco risaliva a due periodi storici: gli anni precedenti la prima guerra mondiale e quelli immediatamente successivi alla seconda. Circa la metà derivava da prestiti che la Germania aveva contratto durante gli anni ’20 e i primi anni ’30 (prima dell’ascesa dei nazisti al potere), e che furono usati per pagare i danni di guerra imposti nel 1919 dal trattato di Versailles. Si trattava del lascito delle colossali riparazioni dei danni di guerra imposte al paese dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale.
L’altra metà del debito era legata alle spese di ricostruzione dopo il secondo conflitto mondiale.

Nel 1952, il debito della Germania detenuto da paesi esteri ammontava al 25% circa del reddito nazionale.

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: